Cronaca

La temibile processionaria è arrivata anche in Capitanata: è pericolosa sia per l'uomo che per gli animali

In settimana, è stata segnalata la presenza della processionaria a Lucera, in viale Castello. Può causare gravi reazioni allergiche e infiammatorie sia tramite il contatto fisico sia tramite i peli urticanti, trasportati anche dal vento

La processionaria a Lucera, foto Silvio di Pasqua

La temibile processionaria è già stata avvistata in provincia di Foggia. Il caldo anomalo ha anticipato la comparsa degli apparentemente innocui bruchi pelosi che si spostano in fila indiana.

In realtà, la processionaria del pino, che quest'anno migra anzitempo al suolo complici le temperature invernali più miti, è pericolosa sia per l'uomo che per gli animali. Se avete un cane al guinzaglio è bene starle alla larga. Può causare gravi reazioni allergiche e infiammatorie sia tramite il contatto fisico sia tramite i peli urticanti, trasportati anche dal vento.

In settimana, è stata segnalata la presenza della processionaria a Lucera, in viale Castello. Non si registrano invasioni in Capitanata: non è allarme. Gli esperti, in caso di contatto, consigliano di lavare nell'immediatezza con acqua il pelo, la cute e le mucose del proprio amico a quattro zampe, per poi rivolgersi urgentemente al veterinario.

Il fitofago, peraltro, minaccia anche la produttività e la sopravvivenza del popolamento arboreo. La lotta contro la processionaria del pino, in caso di grave infestazione, è obbligatoria per legge e la normativa indica nel Servizio Fitopatologico Regionale e nel Corpo Forestale dello Stato gli organi competenti ai controlli. 

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La temibile processionaria è arrivata anche in Capitanata: è pericolosa sia per l'uomo che per gli animali

FoggiaToday è in caricamento