I problemi del quartiere 'Ferrovia' in Questura e Prefettura, ma "da Landella nessuna risposta"

All'incontro, che segue l'iniziativa del gruppo di cittadini del Meetup 'Il Portavoce' e che ha coinvolto l'associazione Amici del Viale, ha partecipato la consigliera regionale M5S Rosa Barone

Gli abitanti del quartiere Ferrovia

“Grande soddisfazione e gratitudine”. E’ questo il sentimento espresso da Nunzio Lops, organizer del Meetup ‘Il Portavoce’ e di Roberta Apicella, presidente dell’associazione ‘Amici del Viale’ a margine dell’incontro avuto ieri pomeriggio con il prefetto, Maria Tirone, e il Questore, Piernicola Silvis. Presente anche il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Rosa Barone, che ha voluto esprimere l’interessamento ai gravi problemi di quella zona della città di Foggia.

Al centro delle attenzioni, l’iniziativa che da febbraio ha animato non solo i residenti del quartiere ma anche i concittadini che a fine febbraio e nella prima decade di marzo hanno dato vita a due passeggiate per le strade che, partendo dal piazzale della Stazione Ferroviaria, si sviluppano in un percorso che storicamente è stato caratterizzato dalla presenza dei migliori negozi del capoluogo dauno ma che, oggi, offre una immagine altamente degradata.

La situazione ha spinto gli attivisti vicini al Movimento 5 Stelle (poi condiviso dagli Amici del Viale e da centinaia di cittadini), a formulare quattordici proposte, inviate al Prefetto, Questore e Sindaco di Foggia. La sollecitazione ha trovato subito riscontro, per la propria parte di competenze, nelle numerose azioni messe in campo sul territorio del quartiere ‘Ferrovia’ da Prefettura e Questura. “Ma dal Sindaco, a distanza di quasi due mesi - dichiara Nunzio Lops - non è giunto alcun cenno di risposta”.

“In occasione dell’incontro con Prefetto e Questore abbiamo evidenziato un quadro allarmante della situazione - avvalorate dalla testimonianza di Roberta Apicella - concentrandoci sugli aspetti che richiedono interventi e attenzioni di competenza delle Forze dell’Ordine. Ma le evidenti connessioni con le responsabilità del Comune di Foggia ci hanno indotto a tracciare un quadro complessivo all’interno del quale, però, i cittadini possono agire offrendo una preziosa collaborazione a tutte le Istituzioni”.

Per quanto riguarda l’ordine pubblico, il contrasto alla criminalità e la prevenzione dei reati, l’azione programmata, frutto di attenta analisi del tavolo operativo della Prefettura e Questura con la collaborazione delle forze di Polizia Municipale, ha già prodotto risultati tangibili e positivi sul campo. Ma rimangono i disagi e le paure dei residenti, collegati al commercio irregolare, alla prostituzione, alla concentrazione di attività che favoriscono pericolosi assembramenti di soggetti poco rispettosi delle più elementari regole di convivenza, che danno luogo anche ad atti di vandalismo, di vera e propria inciviltà, di disturbo della quiete pubblica e liti furibonde.

Tutto questo, accompagnato dalla chiusura dei negozi storici, dalla corsa a vendere gli appartamenti (che, conseguentemente, perdono valore) dalla perdita dei clienti degli studi professionali, dal degrado dello stato dei luoghi, privi anche dei servizi igienici pubblici, essenziali per i migranti nostri ospiti, crea grande insicurezza e disagio nei cittadini residenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualcosa si può fare con la collaborazione dei cittadini ma anche con interventi di prevenzione, programmazione territoriale, pianificazione, recupero e riqualificazione urbana per i quali le competenze sono tutte comunali. L’attenzione e le iniziative dei cittadini si spostano, pertanto, sulle attività e competenze comunali. “Sono in gioco il ripristino delle regole di convivenza civile e la sicurezza delle famiglie, dei residenti e dei foggiani che hanno sempre frequentato il quartiere ‘Ferrovia’”, ha dichiarato Nunzio Lops, che conclude: “Siamo determinati ad utilizzare ogni strumento legale per spronare le Istituzioni ad adottare ogni azione tesa a raggiungere l’obiettivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento