Esclusi dal Bonus Covid, operatori sanitari di Casa Sollievo alla Regione: "Per voi siamo eroi ma ci avete dimenticati"

L'organizzazione sindacale Nursind Foggia scrive al governatore della Regione Puglia Michele Emiliano.

Foto di repertorio

La segreteria aziendale Nursind Foggia di via Zara chiede al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano "l'immediata inclusione degli operatori sanitari di Casa Sollievo della Sofferenza nel premio Covid con le stesse modalità elargite nelle strutture pubbliche".

Esclusi dal premio Covid "nonostante l'impegno profuso nell'affrontare l'emergenza Covid-19 in sostegno del Sistema Sanitario Regionale così come richiesto dallo stesso governatore Emiliano". E ancora, precisa Nursind, "sono stati stanziati ben 29 milioni di euro dal Governo per finanziare il bonus, mentre la Regione Puglia è intervenuta con 6 milioni, lasciando fuori le strutture sanitarie intervenute in supporto alle pubbliche per fronteggiare l'emergenza, tra queste anche Casa Sollievo della Sofferenza"

L'organizzazione sindacale denuncia "un clima di sconforto e di incredulità di come possa esserci tale diversificazione e una differenza di trattamento", perché, spiegano, "abbiamo svolto il nostro lavoro nonostante le paure e le difficoltà, siamo stati definiti eroi, siamo stati acclamati, ma tutto questo non è bastato per le istituzioni regionali che molto velocemente ci ha dimenticati".

E continua: "Le passerelle politiche con promesse da campagna elettorale non sono gratificanti per chi ha visto in faccia la sofferenza, il solore, la paura, la solitudine e, comunque non si è arreso, ma ha combattuto con tutte le proprie forze per sconfiggere questo tremendo male".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prosegue l'organizzazione sindacale: "In questi giorni i nostri colleghi delle strutture pubbliche si ritrovano in busta paga il premio Covid promesso, mentre noi restiamo solo con tanta amarezza e delusione. Sembra di lavorare in mondi diversi, in realtà diverse, garantire diritti diversi, come se entrambi non avessimo lo stesso obiettivo: la salute di tutti i nostri cittadini"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

  • Regionali Puglia 20 - 21 settembre: come si vota

  • Ultima ora: violenta rapina in un bar di Foggia

  • Referendum costituzionale 20 - 21 settembre: cosa e come si vota

  • È morto Rocco Augelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento