Cronaca

Polizia Municipale, Berardino UIL FPL: “Personale carente di 150 unità”

Nell'incontro con l'assessore Arcuri, Berardino ha chiesto la conversione dei contratti di 80 agenti da part time a tempo pieno. Altro nodo da sciogliere è la dotazione della pistola agli agenti

Polizia Municipale

Si è tenuto ieri pomeriggio l’attesissimo incontro tra il neo assessore alla Polizia Municipale, il Dott. Franco Arcuri, e le Organizzazioni Sindacali di categoria della città di Foggia.

In merito a quanto esposto alle OOSS dall’Assessore Arcuri, circa la sua idea di riorganizzazione della Polizia Municipale di Foggia, il responsabile del coordinamento professionale area Polizia Locale del sindacato UIL F.P.L, condivide tutte le iniziative che lo stesso Assessore ha intenzione di intraprendere affinché il Corpo possa rendere un sempre migliore servizio alla comunità.

“Maggiore presenza sul territorio da parte dei vigili anche dopo le ore 22, formazione, armamento, riorganizzazione della struttura gerarchica che prevede nuove figure di gradi distintivi, creazione di nuovi nuclei specifici, sono tutti obiettivi pienamente condivisibili ed auspicabili ma – afferma Stefano Berardino – ma quello su cui lo scrivente esprime qualche riserva, è l’ordine di attuazione e le priorità delle proposte enunciate.”

CARENZA DI PERSONALE - Per riorganizzare la struttura e il servizio è necessario, prima di tutto, incrementare in modo stabile il numero di vigili da impiegare per strada.

Visti gli innumerevoli pensionamenti, l’unica soluzione fattibile e duratura nel tempo, è la conversione dei contratti agli 80 agenti da part time a tempo pieno che, di fatto, con una modesta spesa finanziaria, incrementerebbe di oltre 15 unità il personale disponibile senza le limitazioni che la legge prevede per i lavoratori a tempo ridotto. All’Assessore Arcuri il sottoscritto ha ricordato che nel 2004, quando gli attuali agenti furono assunti, lavoravano a tempo pieno e i risultati in termini di vivibilità della città furono evidenti.

Si registrarono 40mila contravvenzioni elevate al solo codice della strada che, però, si dimezzarono l’anno successivo quando il contratto dei vigili fu trasformato a tempo parziale. Tutti gli obiettivi presentati sono propedeutici e non possono prescindere dall’incremento del numero di vigili.

Vale la pena ricordare che il Corpo della Polizia Municipale di Foggia conta una carenza di personale di ben 150 unità così come prevede la Legge per una cittadina di 160mila abitanti e che un investimento in sicurezza e legalità è tra i primi obiettivi da raggiungere.

DOTAZIONE DELLA PISTOLA - Altra questione affrontata nel corso dell’incontro è la dotazione della pistola agli agenti. Forti dubbi sono stati espressi da Berardino circa la proposta di assegnare l’arma non a tutti gli operatori che svolgono servizio operativo esterno ma, bensì, solo a chi è impegnato in determinati servizi. Tra questi non è compreso, ad esempio, il vigile viabilista che è il più esposto e che è spesso il primo ad essere allertato dalla cittadinanza quando si verifica un fatto criminoso.

Prima di dotare il Corpo di un’arma, inoltre, è necessario organizzare la struttura in modo che possa far fronte sia da un punto di vista tecnico che burocratico alle situazioni che l’armamento necessariamente porrà.  La dotazione della pistola è prevista dal regolamento e gli operatori di polizia municipale di Foggia seguiranno quelle che saranno le direttive che l’amministrazione vorrà indicare.

“Altresì, si prende atto dell’apertura al dialogo da parte dell’Assessore Franco Arcuri anche per il futuro rimanendo a disposizione e garantendo il massimo impegno per rendere la nostra città più vivibile. L’auspicio è che il Sindaco Gianni Mongelli recepisca le istanze qui enunciate perché la UIL FPL non transigerà rispetto all’assunzione a tempo pieno degli 80 vigili urbani” conclude il responsabile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia Municipale, Berardino UIL FPL: “Personale carente di 150 unità”

FoggiaToday è in caricamento