Fuori le associazioni dal Centro 'Palmisano', il dirigente firma il blocco delle attività: "Valuto esposto alla Corte dei Conti"

Carlo Dicesare ha firmato una missiva con cui comunica alle cinque associazioni che lavoravano al Centro Polivalente per anziani "la sospensione immediata delle attività". Gli affidamenti di dubbia legittimità svelati da Foggiatoday

Sospensione con effetto immediato delle attività presso il Centro Palmisano e consegna delle chiavi della struttura. E’ questo il contenuto della missiva che il nuovo dirigente delle Politiche Sociali, Carlo Dicesare, ha protocollato questa mattina. Destinatarie le cinque associazioni che nel centro Polivalente per anziani di Foggia vi prestavano servizio in forza di una autorizzazione di dubbia legittimità. La vicenda è stata svelata quest’oggi da Foggiatoday e attiene alla gestione dell’assessorato di via Fuiani targata Erminia Roberto (ormai ex delegata al settore). "Ho verificato la dubbia legittimità di questi atti e relazionerò al sindaco sulla questione" fa sapere a Foggiatoday Carlo Dicesare, solo da poco dirigente del settore. Che però si è mosso con celerità: "Non escludo - aggiunge- un esposto alla Corte dei Conti". Sulla liquidazione dei 69mila euro (impegno di spesa per le attività delle cinque associazioni da gennaio a dicembre 2019), il dirigente è netto: "Non vi sarà alcuna liquidazione".

La lettera con cui nel febbraio 2019 è stato comunicato loro l’autorizzazione all’avvio delle attività contiene infatti una anomalia macroscopica, non avendo in calce alcuna firma, né dell’assessore dell’epoca (Roberto appunto) né del dirigente che in quel momento sovrintendeva l’assessorato (Claudio Taggio). Di più.

Un mese prima proprio Taggio aveva bloccato le attività presso il Palmisano con una missiva a sua firma. Una faccenda opaca, su cui nessuno dal Comune di Foggia è ancora intervenuto a dire una parola di chiarezza, né a livello istituzionale né a livello politico (i partiti che si muovono con celerità quando si tratta di fare quadrato, faticano a stigmatizzare o quantomeno a chiedere delucidazioni quando emergono opache questioni?). Sta di fatto, ad ogni buon conto, che il dirigente competente a quest’ora ha chiesto alle cinque associazioni di lasciare immediatamente il Centro Palmisano e di consegnare le chiavi. Evidentemente più di qualcosa non torna.

Foggiatoday, nell’articolo di questa mattina, ha elencato tutte le anomalie riscontrate nell’affidamento del servizio di promozione sociale e ludica presso il centro Palmisano da parte dell’Assessorato alle Politiche sociali gestito da Erminia Roberto alle associazioni “Noi Con Te”, “Sole Azzurro”, “DLF SLYM GYM; “Krya Yoga”; “A.S.D Giovanna D’Angelo Dance School”, ex Fuego & Passion”. Tra l’altro trattasi di associazioni la cui registrazione presso l’albo regionale relativo non risulta. Una in particolare, “Noi con Te”, risultò coinvolta a maggio scorso nello scandalo del Segretariato Sociale svelato in campagna elettorale dalla coalizione di centrosinistra e dall’ex candidato sindaco Pippo Cavaliere. Quest’ultimo stigmatizzò come vicepresidente dell’associazione era il figlio di Erminia Roberto, aggiungendo alla discutibilità amministrativa anche l’opportunità politica di simili affidamenti. Che, evidentemente, non erano gli unici. Anche “Sole Azzurro” ha elementi di contiguità con quella vicenda essendo uno dei soci fondatori anche presidente di un’associazione coinvolta nello scandalo di maggio, “Camminare insieme”. Insomma, un mix di elementi che meriterebbe ben altra preoccupazione da parte dell’amministrazione comunale, col sindaco Landella che a maggio scorso fu rapidissimo a stigmatizzare e revocare il tutto.

Nel frattempo si è mosso il settore tecnico. Dai banchi dell’opposizione è stato immediato l’intervento dei consiglieri comunali AnnaRita Palmieri e Michele Norillo, che hanno preannunciato esposti. Pippo Cavaliere chiede di istituire con urgenza una commissione di inchiesta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • In fuga su una Ferrari rubata lungo la Statale 16: polizia insegue la 'rossa' da 140mila euro, ladro scende e scappa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento