Giallo a San Severo, pistole sotto l’auto di Dino Marino: atto intimidatorio?

Il Partito Democratico di San Severo ha espresso solidarietà al consigliere comunale di San Severo Dino Marino, sotto la cui auto sono state trovate due pistole piazzate da due giovani

Dino Marino

La segreteria cittadina del Partito Democratico esprime “forte preoccupazione dopo gli episodi registrati presso il centro migranti ‘Arena’ di San Severo’ e ribadisce la necessità di “fare chiarezza in merito alle dinamiche di reale integrazione poste in essere dall’associazione Ghetto Out di Casa Sankara che gestisce il centro e sulla presunta presenza di circa quaranta ospiti privi di permesso di soggiorno"

Si legge nel comunicato stampa a firma dei dem sanseveresi: “Nel rimarcare il pieno appoggio all'operato delle europarlamentari, Cècile Kyenge ed Elena Gentile, del nostro consigliere comunale Dino Marino e di Mariella Romano del coordinamento cittadino, chiediamo trasparenza su tutta la vicenda. È giusto che sia dissipato ogni sospetto in merito a presunti intrecci e interessi di natura economica".

Pistole sotto l’auto del consigliere comunale di San Severo

La segreteria cittadina esprime forte  solidarietà al consigliere comunale Dino Marino, “oggetto di un episodio poco chiaro”. La polizia, chiamata da un vicino di casa,  ha rinvenuto  sotto la sua Smart, parcheggiata in via Governolo, due pistole modificate riposte sotto l'auto da due giovani. Gli inquirenti stanno visionando le telecamere della zona. “Non vorremmo che la vicenda fosse legata alla denuncia fatta proprio dal nostro consigliere Dino Marino sulla gestione della struttura Arena a cui è stato vietato l'accesso agli europarlamentari Elena Gentile e Cecilie Kynege ed appunto al consigliere comunale del Pd, Dino Marino", conclude la segreteria PD”

Dino Marino, vicinanza da parte di Elena Gentile

Vicinanza a Dino Marino è stata espressa anche dall’europarlamentare di Cerignola: “Ci auguriamo che le indagini fughino ogni dubbio, noi non abbiamo paura”. Elena Gentile ha poi incalzato: “Perché non ci hanno consentito di visitare la struttura? Perché a distanza di tre giorni Emiliano non risponde e chiarisce? Perché il sindaco non dice neanche una parola?

Le parole del capogruppo PD Dino Marino


“Ringrazio tutti i miei amici e chi mi ha voluto esprimere solidarietà siete tanti é questo é veramente una bella cosa, sono tranquillo e per nulla preoccupato, capisco che l'atto in se é molto deplorevole, anche se fatto solo casualmente, se ,invece, può essere accostato alla questione migrazione diventa molto preoccupante per loro non per me, un abbraccio a voi tutti!”

La solidarietà del sindaco Francesco Miglio

“Leggo dalle notizie di stampa del ritrovamento di due pistole nelle vicinanze dell'auto di Dino Marino. Non so quale possa essere la motivazione del fatto e non è mio compito accertarlo, mi auguro che chi di competenza possa presto individuare gli autori del gesto e punirli come meritano e secondo i dettami della legge. A Dino, mio oppositore politico in questo momento ma mio amico da tantissimi anni, porgo la mia personale solidarietà. Ai cialtroni che hanno fatto ciò dico che non fanno paura alla gente perbene della mia città e chiunque vorrà utilizzare gli strumenti della violenza e/o della intimidazione avrà sempre come avversari questo Sindaco, l'amministrazione comunale e tutti i sanseveresi onesti e perbene”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento