Tentato omicidio all'ex pista: litigano per una bicicletta, poi l'inseguimento e il ferimento con una bottiglia di vetro

Arrestato gambiano nell'ambito del blitz scattato alle prime luci dell’alba nell'insediamento abusivo da parte di agenti della Mobile, supportati dal Reparto Prevenzione Criminale “Puglia settentrionale” e “Lucania” e da unità cinofile

Operazione di Procura della Repubblica e Polizia di Stato all’ex pista di Borgo Mezzanone. Alle prime luci dell’alba, agenti della Mobile, supportati dal Reparto Prevenzione Criminale “Puglia settentrionale” e “Lucania” e da unità cinofile, ha effettuato numerose perquisizioni all’interno dell’insediamento abusivo. Attività che ha portato all’arresto di Emmanuel Alize, cittadino nigeriano classe 1995, trovato in possesso di 60 grammi di marijuana suddivise in più dosi, e di due bottiglie di 200 cl ciascuna contenenti olio di canapa, adeguatamente occultato. Alize è stato anche deferito all’autorità giudiziaria per i delitti di furto di energia elettrica e occupazione abusiva di terreni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori hanno rintracciato e tratto in arresto anche Francis Manga, gambiano classe 1998, a carico del quale, a seguito di articolata attività di indagine condotta dagli investigatori della terza sezione della Squadra Mobile, sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza circa un tentativo di omicidio ai danni di suoi connazionali avvenuto il 28 aprile scorso. Più nel dettaglio, le indagini, coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Foggia, hanno permesso di accertare che Manga, a seguito della degenerazione di un diverbio nato attorno alla compravendita di una bicicletta rubata, aveva dapprima ferito un suo connazionale con un coltello e, dopo averlo inseguito sin dentro il manufatto abusivo in cui dimorava, sferrava una serie di fendenti all’indirizzo della vittima con dei cocci di una bottiglia di vetro, ferendolo a tal punto da procurargli un ricovero con codice rosso presso gli Ospedali Riuniti di Foggia. Entrambi gli stranieri si trovano ora nel carcere di Foggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

Torna su
FoggiaToday è in caricamento