menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza della Legalità

Piazza della Legalità

E' nata “Piazza della Legalità” in memoria di Falcone e Borsellino

Al ventennale della Strage di Capaci centinaia di studenti foggiani hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal Comune. Ricordata con una foto anche Melissa Bassi

Partecipazione massiccia nei giardini di via Nedo Nadi dove questa mattina è nata "Piazza della Legalità" in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino e delle vittime di mafia.

Oggi il vostro posto è qui, in piazza, non al chiuso delle aule scolastiche. La vostra presenza è significativa dell’impegno che tutta la comunità ha dovere di prendere nella lotta alle mafie. Il vostro entusiasmo, la vostra determinazione, il vostro coraggio sono la risposta migliore a chi vuole imporre l’illegalità come regola attraverso la violenza e il terrore. La città tutta ve ne è grata”.

Con queste parole il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, ha salutato gli studenti foggiani accorsi numerosi alla manifestazione organizzata dall’assessorato all’Istruzione e dall’assessorato alle Politiche Giovanili in collaborazione con il Forum dei Giovani.

Quale modo se non questo per commemorare il ventesimo anniversario della Strage di Capaci. Una giornata che ha avuto il suo momento clou nell’intitolazione di “Piazza della Legalità” nei giardini di via Nedo Nadi e la posa di una targa dedicata ai giudici Borsellino e Falcone.

Un ricordo particolare è andato a Melissa Bassi, la ragazza vittima dell’attentato alla scuola “Morvillo Falcone” di Brindisi.

Prima della cerimonia, gli studenti hanno sfilato lungo un corteo con striscioni e cartelloni.

Il sindaco del consiglio comunale dei ragazzi, Laura Palumbo, ha spiegato come “l’intento della manifestazione è far riflettere tutti, anche i ragazzi, sull’importanza del rispetto dei diritti e delle regole che sono alla base della società civile e democratica”.

Successivamente i bambini delle scuole dell’infanzia hanno cantato dei brani, letto alcuni stralci tratti da “Gomorra” di Roberto Saviano e lanciato degli appelli. Infine il flash mob finale realizzato dai ragazzi dell’Istituto Notarangelo sulle note di “Pensa” di Fabrizio Moro.

Alla manifestazione hanno partecipato le scuole comunali dell’infanzia, le scuole medie Alfieri e Foscolo, gli istituti superiori Notarangelo, Lanza, Giannone, Pascal e il liceo artistico Perugini l’associazione Libera e la fondazione Buon Samaritano,

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento