Clima di tensione a Borgo Mezzanone: "Necessario un piano di sicurezza sui bus dell'Ataf"

Domenico Santodirocco della Fast Confasl: "Abbiamo il dovere di segnalare e suggerire misure idonee, il Prefetto ha il dovere di ascoltare e analizzare quel che accade sul territorio ed intervenire”

Borgo Mezzanone

La Fast Confasl invoca un piano di sicurezza sui bus Ataf da e per Borgo Mezzanone, e chiede un incontro urgente con il Prefetto di Foggia per discutere della messa a punto di misure necessarie alla sicurezza di tutti gli utenti.

“Serve un piano speciale per la sicurezza sia degli utenti sia degli autisti dei bus Ataf in servizio sulla tratta Foggia – Borgo Mezzanone”, spiegano dalla segreteria provinciale della Fast Confsal e lo scrivono, nero su bianco, in una lettera inviata al Prefetto, con la richiesta di discutere insieme delle procedure necessarie a garantire una civile convivenza tra residenti e ospiti del Cara.

CLIMA DI GUERRIGLIA A BORGO MEZZANONE, BORDO: "LA GENTE HA PAURA"

La richiesta arriva a seguito dei numerosi episodi di aggressione e risse a bordo dei mezzi dell’Ataf, ed in vista dell’aumento del numero degli ospiti del Cara  per la campagna agricola. “Crediamo sia urgente definire un piano di prevenzione per evitare nuovi casi di violenza”, sottolinea il segretario provinciale di Fast Confasl, Domenico Santodirocco. “Come sindacato abbiamo il dovere di vigilare per garantire sicurezza ai lavoratori e fare in modo che il servizio soddisfi le esigenze di tutti”.

L’ultimo caso di violenza a bordo di un bus dell’Ataf risale a pochi giorni fa: un’anziana donna, a bordo di un bus diretto a Borgo Mezzanone, aggredita e derubata da un uomo che si era denudato. Immediata è stata la reazione della gente della borgata, scesa in piazza, fino a tarda notte, per protestare e richiamare l’attenzione delle istituzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Casi del genere non sono più tollerabili. Noi abbiamo il dovere di segnalare e suggerire misure idonee - conclude Santodirocco – il Prefetto ha il dovere di ascoltare, analizzare quel che accade sul territorio ed intervenire. La civile convivenza, e la serenità dei cittadini, l’unico obiettivo”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento