Luigi Miranda: “Il piano parcheggi? Promesse mai mantenute”

Il consigliere dell’Unione di Centro: “Solo un accanimento nei confronti dei cittadini”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Diminuire le zone blu, stabilire dei criteri prima di emettere le multe e stabilire i costi dei parcheggi in base alle zone, come accade nelle più grandi città d’Italia e d’Europa, abbattere le tariffe ed inserire un adeguato numero di parcheggi liberi. E’ questo quello che bisognerebbe fare per evitare che un provvedimento così drastico metta ulteriormente in difficoltà i cittadini.

Così il presidente dell’Associazione Qualità della Vita e consigliere comunale Luigi Miranda – E’ ingiusto vessare continuamente i foggiani che già vivono una situazione di forte crisi economica. E poi, dove vanno a finire questi soldi? Questa manovra economica così rigida è servita ad apportare benefici alla città, a salvare l’azienda Ataf, o ha solo gravato sulle tasche dei poveri cittadini, in maniera inutile e improduttiva? Perché non è stata più valutata anche la proposta di applicare delle tariffe agevolate per chi lavora in attività commerciali e uffici ove sono presenti le strisce blu?

E’ ora di smetterla di rimpinguare le casse comunali con questi balzelli, non si agevola così il cittadino, soprattutto quando a costi così onerosi  non corrispondono servizi efficienti, che renderebbero la città più vivibile! Inoltre – continua Miranda – vige ancora la tolleranza zero, ai cittadini non si dà nemmeno più il tempo di andare ad acquistare il grattino prima di procedere subito con la multa, senza considerare che spesso i parchimetri sono posizionati anche ad una distanza notevole dalla zona del parcheggio blu.

La fase sperimentale si è da tempo conclusa e quindi immaginiamo che questa sarà la situazione definitiva, i cittadini saranno pertanto tenuti a rispettare le regole del nuovo piano, senza alcuna certezza futura, senza che siano stati rettificati gli errori commessi, senza che siano state prese in considerazione proteste e proposte avanzate anche dalle associazioni di categoria! Non è questo un atto di rispetto nei confronti di chi onestamente lavora e fatica per arrivare a fine mese – conclude Miranda”.

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento