Lucera: detenuto pestato in cella da agenti? Il caso in Parlamento

I senatori Salvo Fleres, Donatella Poretti e Marco Perduca, su sollecitazione di Emilio Quintieri, portano in parlamento il caso di Giuseppe Rotundo

Il carcere di Lucera torna alla ribalta delle cronache locali e nazionali. A tenere banco questa volta è il caso di un presunto pestaggio, denunciato in Procura, che un detenuto di Minervino di Lecce afferma di aver subito da tre agenti di polizia penitenziaria.

L’INTERROGAZIONE | I Senatori della Repubblica Salvo Fleres, Donatella Poretti e Marco Perduca, su sollecitazione di Emilio Quintieri, hanno depositato un’Interrogazione Parlamentare al Ministro della Giustizia, Paola Severino, con la quale fanno presente di essere venuti a conoscenza della vicenda. Nella nota gli esponenti di Forza Sud, Verdi Ecologisti e Radicali Italiani, affermano che nei giorni scorsi al signor Rotundo è stato notificato il decreto di citazione diretta a giudizio dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Lucera in qualità di persona offesa dal reato a seguito della querela sporta contro alcuni agenti della Polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale.

LE ACCUSE | A carico degli agenti vi sarebbero tre capi d’imputazione che verranno dibattuti nell’udienza del prossimo 5 marzo 2013: i tre – si legge nella lettera - avrebbero abusato dei mezzi di correzione o disciplina in danno al detenuto, affidato loro per ragioni di vigilanza o di custodia, che sarebbe stato percosso con pugni in faccia e calci in varie parti del corpo. Addirittura sarebbero state riscontrate lesioni guaribili in 40 giorni.

LE FERITE | Sarebbero numerose le certificazioni mediche delle presunte percosse subite dal salentino, tra cui quella del servizio sanitario penitenziario di Lucera che attesterebbe che il 49enne presentava lesioni personali al volto e dolenzia al braccio destro.

GLI ACCERTAMENTI | “Inoltre - rilanciano i senatori -  negli atti del fascicolo del pubblico ministero, vi sarebbero alcune testimonianze assunte durante le indagini preliminari che confermerebbero quanto denunciato dal Giuseppe Rotundo alla Procura della Repubblica di Lucera, ricordando che in merito alla vicenda, nelle settimane successive, su esplicita richiesta della Procura della Repubblica di Lecce, sarebbero stati svolti degli accertamenti specialistici da parte del personale della Questura di Foggia, che avrebbero confermato la tesi del detenuto”.

L’ACCADUTO | “Il detenuto Giuseppe Rotundo, secondo il costrutto accusatorio e gli accertamenti finora esperiti, sarebbe stato dapprima pestato presso l'Ufficio del Preposto e poi condotto presso una cella di isolamento con l'uso della forza, dove sarebbe stato ripetutamente picchiato e lasciato nudo a terra sul pavimento, in pieno inverno, senza materasso e senza coperte, e, quindi, senza rispetto della sua personalità””

DICHIARAZIONI | “Quanto accaduto presso il Carcere di Lucera a danno di questo detenuto – dichiara l’Ecologista Radicale, Emilio Quintieri – è veramente molto grave ed è necessario che i responsabili vengano severamente puniti così come prevede la Legge perché episodi del genere non abbiano più a ripetersi. Troppo spesso nelle Carceri – conclude Quintieri – avvengono abusi intollerabili che rimangono impuniti anche per la mancanza del delitto di tortura nel nostro ordinamento giuridico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento