Blitz in mare, scoperta pesca illegale: sequestrati 1,5 km di rete, generatori e gavitelli

Scoperta pesca illegale in località Scalandrone sul Gargano. Sequestrate varie attrezzature

Le operazioni
Ieri i militari della delegazione di spiaggia di Peschici coadiuvati via mare dal personale imbarcato sulla Unità A47 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste, hanno dato luogo ad un’attività congiunta al fine di contrastare la pesca illegale lungo il territorio 
del Comune di Peschici, in località denominata “Scalandrone”.
In particolare, la tipologia di pesca in questione viene effettuata 
tramite l’utilizzo di alcuni trabucchi, all’occasione armati con reti da posta tipo “tremaglio” e dotati di sorgenti luminose.
Giunti sul posto, i militari hanno rinvenuto e posto sotto sequestro circa 1,5 kilometri di rete, unitamente due generatori di corrente con relativi cablaggi e proiettori alogeni ed, infine, due gavitelli connessi all’utilizzo dei sopracitati attrezzi da pesca.
Si coglie l’occasione per ricordare che la partecipazione attiva dei cittadini (anche tramite il numero 1530) alle varie vicissitudini legate al mare risulta essere un ottimo contributo a preservare non solo la vita umana in mare, ma anche a proteggere l’intero ambiente marino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • La Puglia diventa gialla: da domenica riaprono bar e ristoranti (fino alle 18) e via libera agli spostamenti tra comuni

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

Torna su
FoggiaToday è in caricamento