Patto di reciproca collaborazione tra l’Ente Parco e l’Università di Foggia

Realizzare attività di studio e di ricerca scientifica, reperimento, conservazione e anche restauro di beni di interesse preistorico, storico, etnografico, archeologico e culturale

La firma di Volpe e Pecorella

L’Università di Foggia ed il Parco Nazionale del Gargano hanno suggellato, attraverso un protocollo d’intesa, un patto di reciproca collaborazione per mettere in campo le migliori professionalità al fine di elaborare progetti per la tutela, la conservazione e la valorizzazione del territorio.

L'atto è stato sottoscritto dal Magnifico Rettore, Prof. Giuliano Volpe, e dal Presidente, Avv. Stefano Pecorella. Con questo protocollo, le due istituzioni intendono collaborare per realizzare attività di studio e di ricerca scientifica, reperimento, conservazione e anche restauro di beni di interesse preistorico, storico, etnografico, archeologico e culturale.

Impegni concreti dovranno essere volti a pianificare ed attuare interventi di collaborazione in specifiche attività a livello di: didattica, formazione continua e d’eccellenza, internalizzazione e governance.

GIULIANO VOLPE - “Abbiamo ritenuto opportuno che in questo particolare momento di fragilità il territorio avesse dei punti di riferimento di alto livello.

Questa intesa rappresenta una ‘naturale’ unione d’intenti mirata a sviluppare azioni sinergiche per condividere le migliori pratiche per lo studio, l’applicazione, il monitoraggio e la gestione, del migliore know how a disposizione dell’Università nell’area parco e nell’area marina protetta delle Isole Tremiti.

Sono certo che questa alleanza con l’Ente Parco, che in questo biennio ha dimostrato lungimiranza negli interventi e sensibilità nel coinvolgimento degli giusti stakeholders, sarà fruttuosa e contribuirà alla tanto attesa svolta economico-sociale”.

STEFANO PECORELLA - “Alla base di questa intesa con il mondo accademico vi è la consapevolezza di creare stabili esempi di progettazione e pianificazione strettamente legati alle peculiarità del nostro territorio e delle sue inestimabili risorse ambientali, storiche e religiose. I nostri giovani,inoltre, hanno bisogno di poter investire le loro energie in un sistema in grado, attraverso i suoi principali attori istituzionali, sociali ed economici, di creare condizioni durevoli di sviluppo.

Ringrazio il Rettore Volpe per la sensibilità e sollecitudine con la quale ha risposto alla richiesta del Parco e mi auguro che a breve si possa già concretamente predisporre la prima linea di intervento."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento