Medaglia d'argento al valore civile a Casertano. Premiati i carabinieri per le indagini sulla strage di San Marco

Medaglia d'argento al valore civile a Pasquale Casertano ferito durante l'uccisione del collega maresciallo Vincenzo Carlo Di Gennaro a Cagnano Varano. Encomio solenne ai carabinieri del comando provinciale di Foggia per le indagini sul quadruplice omicidio di San Marco in Lamis

Pasquale Casertano

Ieri presso la caserma 'Chiaffredo Bergia', sede del comando della Legione Carabinieri Puglia, durante la cerimonia commemorativa per la ricorrenza dell'annuario della fondazione dell’Arma dei carabinieri che quest’anno festeggia 206 anni di storia, sono stati consegnati alcuni riconoscimenti a dieci militari distintisi in delicate operazioni di servizio e sono stati premiati anche due comandanti di stazione che si sono fatti apprezzare nel compimento della loro quotidiana attività istituzionale.

Dopo la cerimonia di deposizione della corona ai caduti il Prefetto di Bari ha consegnato la medaglia d’argento al valore civile al carabiniere Pasquale Casertano che, il 13 aprile 2019, a Cagnano Varano, è stato ferito da un pregiudicato con diversi colpi di pistola che attingevano mortalmente il maresciallo maggiore Vincenzo Di Gennaro con il quale era di servizio.

Giovedì scorso, invece, nell’ambito delle celebrazioni del 206° annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, il generale di corpo d’armata Giovanni Nistri, comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, a Bari, aveva consegnato la medaglia d’oro al valor civile “alla memoria” al padre Luigi De Gennaro. Nella circostanza, alla presenza della sorella Lucia e di Stefania Gualano, compagna del compianto ispettore, è stata anche intitolata al militare la sala conferenze del comando Legione Carabinieri Puglia.

Sono stati premiati anche i carabinieri del comando provinciale di Foggia che sono riusciti ad individuare e catturare uno dei presunti responsabili del quadruplice omicidio avvenuto a San Marco in Lamis il 9 agosto 2017. Encomio solenne del comandante interregionale 'Ogaden' concesso  al luogotenente carica speciale Savino Landriscina al maresciallo maggiore Valentino Traisci, ai vicebrigadieri Savino  Del Vecchio e Antonio Filannino, all’appuntato scelto qualifica speciale Luigi Sabatino e all’appuntato scelto Giovanni Perna, rispettivamente comandante del reparto operativo e addetti al nucleo investigativo del comando provinciale di Foggia. 

La motivazione per Pasquale Casertano

"Addetto a stazione distaccata operante in un'area caratterizzata da un elevato indice di criminalità, con spiccata professionalità e determinata iniziativa, nel consapevole adempimento dei propri doveri, durante un servizio di controllo del territorio, insieme ad un altro militare, non esitava ad avvicinare per un controllo un pericoloso pregiudicato, denunciato nei giorni precedenti, il quale, mosso da un irragionevole risentimento, estraeva repentinamente una pistola, esplodendno diversi colpi d'arma da fuoco, benché gravemente ferito, fronteggiava un ulteriore tentativo di aggressione, riuscendo a trasportare il commilitone, colpito mortalmente, presso il posto di emergenza sanitaria più vicino, ove forniva ai colleghi intervenuti preziose indicazioni per rintracciare l'aggressore. Chiaro esempio di non comune senso del dovere e di elette virtù civiche. (13 aprile 2019).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La motivazione dell'encomio solenne 

"Comandante di reparto operativo e addetti a nuclieo investigativo di comando provinciale operante in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità organizzata, evidenziando altissimo senso del dovere, elevatissime capacità professionali e non comune intuito investigativo, partecipavano, fornendo determinante apporto, a complessa e articolata attività di indagine che consentiva di individuare e catturare uno dei responsabili di atroce quadruplice omicidio, di matrice mafiosa, di cui rimanevano vittime anche due ignari lavoratori, nonché, di trarre in arresto altra persona responsabile di detenzione e porto di armi scongiurando l'imminente commissione di altri gravi fatti di sangue. (9 agosto 2017-16 ottobre 2018)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • Il virus dilaga, Landella corre ai ripari: a Foggia mascherine obbligatorie all'aperto e centri commerciali chiusi domenica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento