rotate-mobile
Cronaca Croci / Via Ciano Antonio

Degrado “Parco Iconavetere”, Bianco: “Comune e Arcidiocesi hanno perso la voce”

Il presidente di "Capitanata mia" punta il dito contro Mons. Tamburrino e i vertici della Cappella dell'Iconavetere, responsabili a suo dire di non essere intervenuti per migliorare le cose

“A quanto pare sia il Comune che l’Arcidiocesi hanno perso la voce”. E’ il duro affondo di Antonio Bianco, il presidente dell’associazione “Capitanata mia” in merito alla vicenda del Parco Iconavetere di Foggia, oggetto di atti vandalici compiuti da ignoti nella notte tra il 14 e il 15 agosto.

“E’ vergognoso quello che sta accadendo, infatti è ancora lì il pezzo di cancello sradicato per entrare e distruggere la chiesetta. Le autorità lo hanno abbandonato permettendo ai ragazzini di entrarvi e di continuare a distruggere l’area” commenta Bianco.

Il giovane presidente punta il dito anche contro il capo dell’Arcidiocesi, Mons. Tamburrino, e contro i vertici della Cappella dell’Iconavetere, responsabili a suo dire di non essere intervenuti per migliorare lo stato delle cose.

“Come associazione non smetteremo mai di batterci sui problemi che riguardano il parco. Stanno per partire una marea di manifestazioni (la prima prevista per la metà di settembre) di festa e dio gioia” conclude Bianco

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado “Parco Iconavetere”, Bianco: “Comune e Arcidiocesi hanno perso la voce”

FoggiaToday è in caricamento