rotate-mobile
Cronaca Vico del Gargano

Distrutta la panchina rossa contro la violenza sulle donne

Questa volta l'amore non ha vinto su tutto. E' successo a Vico del Gargano in provincia di Foggia. Il sindaco Michele Sementino: "Sfasciare panchine non vi trasformerà in uomini, resterete quello che siete"

A Vico del Gargano, città dell'amore e di San Valentino, qualcuno ha distrutto uno dei simboli della lotta alla violenza contro le donne: la panchina rossa della villa comunale in prossimità di una scuola media, inaugurata il 16 dicembre scorso dall'amministrazione comunale e dal centro antiviolenza 'Il Filo di Arianna'.

L'iniziativa, ribatezzata, 'D'amore si vive, non si muore', era nata affinché il messaggio contro la violenza sulle donne raggiungesse le persone di tutte le età che ogni giorno frequ­entano uno degli spa­zi di aggregazione più importanti. "Vogl­iamo che quella panc­hina sia sotto gli occhi di tutti, ogni giorno, perché il cambiamento culturale necessario a sconfi­ggere la violenza di genere va coltivato e sostenuto tutti i giorni, in ogni mo­mento” aveva dichiarato il sindaco.

A distanza di poco più di un mese, il primo cittadino Michele Sementino, si è visto costretto a commentare l'atto vandalico: "Una panchina rotta si può aggiustare.Più difficile, per chi si diverte così, è riempire la propria vuota esistenza. Sfasciare panchine non vi trasformerà in uomini, resterete quello che siete".

Questa volta, a Vico del Gargano, l'amore non ha vinto su tutto.

panchina rossa-5

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrutta la panchina rossa contro la violenza sulle donne

FoggiaToday è in caricamento