Amaro regalo di Natale per il 'Masselli Mascia', chiude la Pediatria: sospesi tutti i ricoveri. Monta la rabbia: "Distrutta eccellenza"

E’ giunta proprio il 24 dicembre scorso, giorno di vigilia, la firma del direttore generale dell’Asl FG al provvedimento urgente con cui si dispone la sospensione di tutti i ricoveri nel reparto di Pediatria e Neonatologia. Lo svela Dino Marino

Brutto regalo di Natale per l’ospedale ‘Masselli Mascia’ di San Severo. E’ giunta proprio il 24 dicembre scorso, giorno di vigilia, la firma del direttore generale dell’Asl Foggia, Vito Piazzolla, al provvedimento urgente con cui si dispone la sospensione di tutti i ricoveri nel reparto di Pediatria e Neonatologia. “Grave carenza di medici” le ragioni di una mannaia pesantissima per il presidio sanitario. Scrive Piazzolla: “Preso atto della grane carenza di medici; considerato che dalle procedure concorsuali recentemente concluse hanno fornito la disponibilità ad accettare l’incarico a tempo indeterminato n. 7 pediatri; visto che gli stessi pediatri si sono riservati di sottoscrivere i contratti a partire dai primi dell’anno 2020; in considerazione della prossima pubblicazione di un avviso pubblico e di una manifestazione di interesse per ulteriori conferimenti di incarichi a tempo determinato; considerato (infine) l’approssimarsi delle festività natalizie” si dispone “che temporaneamente, con decorrenza immediata e sino a nuova disposizione, vengano sospesi i ricoveri nel reparto di Pediatria. Le SS.LL assicureranno le attività nelle 24 ore di neonatologia a servizio del punto nascita. Per le urgenze neonatologiche che necessitano di cure intensive presso U.T.I.N., le SS.LL. attiveranno il percorso S.T.E.N. secondo le procedure previste dalla Regione Puglia”.

La disposizione organizzativa urgente è giunta, dicevamo, proprio il 24 dicembre al direttore medico del presidio sanseverese, dott. Antonietta Costantino, e al direttore di reparto, dott. Matteo Mariano. A svelarla è l’ex consigliere regionale Dino Marino con una nota su Facebook. “Non avrei mai pensato che si potesse arrivare a tanto – scrive il renziano -, il più grande ospedale della ASL FG, il Teresa Masselli di San Severo, invece, di specializzarsi sempre più, come del resto diceva il piano sanitario regionale, giorno dopo giorno decade, fino al punto di chiudere uno dei reparti che da anni é stato il fiore all’occhiello del nostro nosocomio: la Pediatria”. “La chiusura del reparto avviene con una delibera dirigenziale dal 24/12/2019 che riporto tra le foto del post. Vito Piazzolla, prima commissario poi direttore generale, é il testimone compiacente o proprio l’artefice di questa situazione che si conosceva da tempo e che non poteva essere risolta unicamente con un approccio burocratico ma con una azione straordinaria. Più volte ho assistito nell’ultima consiliatura alle sue passerelle senza contraddittorio. É venuto a prendere in giro l’intera amministrazione comunale e la città” tuona. “Ho letto la delibera con cui ha chiuso il reparto: assurda e allo stesso tempo agghiacciante, una stilettata al diritto alla salute dei bambini dell’Alto Tavoliere. Intervenga Emiliano e metta fine a questo dilettantismo approssimativo. La Regione non può permettere questo scempio sulla pelle dei piccoli delle nostre famiglie”. Quindi l’appello anche al sindaco Francesco Miglio: “L’amministrazione comunale immediatamente facesse sentire la propria voce sul piano istituzionale e mettesse in circolo tutte le azioni per tutelare i propri cittadini, chiamando a raccolta tutte le associazioni, i Sindacati, i medici di famiglia e i pediatri per costruire un comitato di lotta e di tutela della salute dei nostri bambini!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento