Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio Bruno, chiesta la prova 'capitale'. Procura vuole l'esame del dna di Aghilar. L'avv. Sodrio: "Confermerà premeditazione"

Michele Sodrio, legale della famiglia Bruno: "Non è una circostanza da poco: in questo caso, la legge prevede la pena dell'ergastolo e l'impossibilità di accedere al rito abbreviato". Resta l'amarezza per la mancata contestazione del reato di stalking contro Filomena ed i suoi figli

 

La procura di Foggia dispone l'esame del dna di Cristoforo Aghilar, 37enne di Orta Nova (al momento latitante dopo l'evasione di massa dal carcere di Foggia dello scorso 9 marzo) accusato dell'omicidio della suocera, Filomena Bruno. Sono stati fissati, infatti, per il prossimo 12 giugno, a Roma, presso il Ris dei carabinieri, gli accertamenti sui reperti organici trovati in casa della vittima e la loro comparazione con il dna dell'assassino.

"Anche se per quella data Aghilar fosse ancora un fuggitivo, si procederà comunque agli accertamenti perchè si tratta di un atto d'indagine disposto dal pm Pensa", spiega l'avvocato Michele Sodrio, difensore della famiglia Bruno, che precisa: "Si tratta di un accertamento importante per avere la definitiva conferma sulla premeditazione di Aghilar, anche se a mio parere questa premeditazione risulta già ampiamente provata con gli elementi di prova che sono in atti".

"Io stesso, con una nostra attività d'indagine difensiva, ho fatto rilevare la presenza in casa della povera Filomena di alcuni reperti biologici, riconducibili sicuramente ad Aghilar, a dimostrazione che l'assassino si era appostato in casa della vittima proprio con l'intenzione di uccidere e quindi con premeditazione. Non è una circostanza da poco, perchè la legge in questo caso prevede la pena dell'ergastolo e soprattutto l'impossibilità di accedere al rito abbreviato", puntualizza.

"Per questo motivo registro con amarezza che, nonostante le mie ripetute richieste e istanze, la Procura di Foggia continua a non contestare ad Aghilar, oltre all'omicidio premeditato, il reato di stalking contro Filomena Bruno ed i suoi figli, per tutte le gravissime minacce che hanno subito nei giorni e settimane precedenti al delitto. E anche in questo caso non è una differenza da poco, perchè è previsto l'ergastolo anche per lo stalker che poi uccide la vittima della sua persecuzione ed è esattamente ciò che purtroppo è accaduto in questa tragica vicenda", conclude | IL VIDEO

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento