Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Foggia, Avv. Gargiulo: “Preoccupante fuga degli avvocati dalla professione”

“Il numero degli iscritti all’albo dell’Ordine degli Avvocati di Foggia è di quasi 2.500 unità, quest’anno più di dieci si sono cancellati. Resisterà soltanto una elite di avvocati”

Il reddito medio di un avvocato è sceso del 30 per cento negli ultimi tre anni. Nell’ultimo anno, inoltre, il 30% circa degli iscritti alla cassa forense non è riuscito a pagare i contributi previdenziali. Sulla scorta di tali preoccupanti cifre, rese note dall’Ordine Nazionale degli Avvocati, è possibile “dipingere uno scenario dalle fosche tinte”  relativo a una professione che, anche in una città come Foggia, ha sempre attirato una massa di giovani che, oggi, purtroppo, sempre più vanno meditando di lasciare quella professione, il cui titolo di abilitazione  è stato faticosamente guadagnato con anni di sacrifici.

Il numero degli iscritti all’albo dell’Ordine degli Avvocati di Foggia è di quasi 2.500 unità, un numero che negli ultimi quattro anni è continuato a crescere anche se in proporzioni minori. Se anche i colleghi più anziani vedono i loro redditi ridursi del 20/30 per cento perché spesso i clienti non pagano, per un giovane che non ha alle spalle uno studio avviato dal padre la prospettiva di potersi sostenere con la professione si è allungata parecchio.

Inoltre la cosiddetta fisiologica “gavetta” dura ben oltre i 30 anni, e solo con grandi motivazioni, e probabilmente dopo i 35 anni, si arriva a guadagnare appena quanto un dipendente pubblico”.

Lo scenario che si prospetta in un futuro prossimo è quello che “a resistere sarà soltanto una elite di avvocati, mentre la fascia media e, soprattutto, quella bassa sarà schiacciata perché la concorrenza è molto ampia, perché siamo in tempi di crisi e perché la professione è cambiata in negativo”.

Da un esempio classico si può comprendere le difficoltà in cui attualmente incappano le “nuove leve” dell’avvocatura che, solitamente, muovono i primi passi nelle cause degli incidenti stradali: un giovane avvocato, fino a qualche anno fa, si faceva le cosiddette ossa con le cause che riguardavano gli incidenti stradali.

Oggi non è più possibile: una volta chi subiva un incidente stradale andava dall’ avvocato per farsi risarcire e il legale faceva quindi da intermediario. Oggi questo non accade più perché non c’è l’indennizzo diretto, ovvero la compagnia non riconosce più le spese legali. Un mediatore contatta il danneggiato, fa valutare il danno e si chiude la pratica. Nel caso contrario, la compagnia non riconosce più le spese legali. E questo è un grave danno per tutti quei giovani che iniziano la professione”.

Secondo l’Ordine Nazionale degli Avvocati, in realtà, molti iscritti quasi non esercitano la professione e i nuovi parametri per la liquidazione giudiziale dei compensi introdotti dal decreto ministeriale 140 del 20 luglio 2012 comporteranno, sempre secondo l’ordine, un’ulteriore contrazione dei redditi.

Tra i sintomi di una professione che versa in un profondo stato di crisi, segnalo altresì il rapporto diverso che si è instaurato tra l’avvocato e il cliente a causa dell’obbligo del preventivo: “ E’ una difficoltà in più perché prima s’instaurava un rapporto fiduciario totale tra legale e cliente mentre oggi, con l’obbligo del preventivo, si è trasformato in un rapporto contrattuale: quanto andrò a spendere? E’ questo che si domanda il cliente”.

Quest’ anno, dall’albo dell’Ordine degli Avvocati di Foggia  si sono già cancellate oltre una decina di persone. In conclusione,  non sono a rischio solo i giovani, per cui l’approccio alla professione richiede una forte motivazione, ma anche gli avvocati più anziani che lamentano, dopo anni, di aver perso parte del reddito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, Avv. Gargiulo: “Preoccupante fuga degli avvocati dalla professione”

FoggiaToday è in caricamento