Manfredonia: Riccardi vieta l’uso di giocattoli pirici, si rischia l’arresto

Chi non rispetterà l'ordinanza rischia l'arresto fino a 3 mesi o una sanzione di circa 200 euro. Il sindaco: "Accendere e far esplodere petardi e botti vari è un gesto stupido che può costare caro"

A Manfredonia il sindaco Angelo Riccardi vieta l’uso di giocattoli pirici. L'Amministrazione cittadina ha così ravvisato che è necessario intervenire per tutelare la quiete pubblica e, al contempo, preservare l'incolumità pubblica e privata dall'utilizzo indiscriminato di questi articoli pirotecnici.

A tal fine il Sindaco ha emesso un'ordinanza che vieta di utilizzare, sulle pubbliche vie e piazze del Comune di Manfredonia e dovunque vi sia concorso di persone, artifici e prodotti affini negli esplodenti nonché giocattoli pirici di ogni specie.

Gli organi di Polizia sono incaricati di far rispettare il contenuto dell'ordinanza e gli eventuali contravventori potranno essere puniti con l'arresto fino a tre mesi oppure con un ammenda che potrà arrivare fino a 206,58€.

"Con questa ordinanza vogliamo frenare un fenomeno particolarmente diffuso, in special modo tra i ragazzi - conclude il Sindaco Riccardi - Abbiamo quindi chiesto ai nostri agenti di Polizia Locale di intensificare i controlli, sia per l’uso dei petardi, sia per la loro vendita. Ci auguriamo che tale ordinanza sortisca l'effetto sperato e che non avvengano incidenti in città che potrebbero essere evitati adoperando buon senso e rispetto per il prossimo”.

Accendere e far esplodere, in maniera indiscriminata, petardi e botti vari è un gesto stupido che può costare caro. Il fenomeno va arginato ed i controlli saranno aumentati per assicurare ai cittadini la tutela della propria incolumità. Al di là degli strumenti coercitivi e punitivi, comunque, mi appello al senso di responsabilità individuale e collettivo, affinché ciascuno sia consapevole delle conseguenze che la tradizione dei botti può avere per la sicurezza propria e degli altri".

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento