menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vietato bere all’aperto, scatta l’ordinanza: per i trasgressori sanzioni fino a 500 euro

Sarà vietato consumare bevande in plastica e vetro per prevenire e contrastare i pericoli per l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. Sguardo anche al decoro urbano e all’ambiente

Da mercoledì 16 dicembre al 16 settembre 2016 sarà vietato consumare bevande alcoliche e non in bottiglie di vetro e lattine sul viale della Stazione, piazzale Vittorio Veneto e in tutte le strade ricadenti nel perimetro costituito da viale Manfredi, via Zara, via Conte Appiano, via Torelli, piazza Cavour, via Scillitani, via del Carso, via Re di Puglia, nell’area perimetrale della Villa Comunale, in piazza Padre Pio, piazza De Gasperi ed aree limitrofe, salvo che nei locali e nelle pertinenze dei pubblici esercizi. E’ quanto stabilito dall’ordinanza sindacale 43 del 14 dicembre a firma del sindaco Franco Landella e del dirigente Romeo Delle Noci.

I contenitori considerati potenzialmente atti ad offendere non potranno essere abbandonati “al fine di evitare pregiudizi e danni al decoro urbano ed ambientale, nelle zone sopra specificate, nonché possibili pericoli per l’incolumità e la sicurezza delle persone”. Con l’ordinanza si vieta anche la vendita di qualsiasi merce su area pubblica in forma itinerante in viale XXIV Maggio, zone limitrofe, piazza Cavour e Villa comunale.

Nell’ordinanza si legge che i divieti sono diretti a prevenire e contrastare i pericoli per l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana derivanti dall’eccessivo consumo di alcol, dall’abbandono diffuso e generalizzato di bottiglie di vetro e di lattine, spesso in frantumi, che possono trasformarsi in strumenti atti ad offendere nonché i relativi pregiudizi e danni al decoro urbano ed ambientale.

Chi non rispetterà l’ordinanza sarà punito con la sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 25 euro a un massimo di 500, per la violazione del divieto di consumo di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore e di bevande in genere fornite in bottiglie di vetro ed in lattine oppure per l’inosservanza delle disposizioni in tema di decoro urbano ed ambientale dovuti all’abbandono dei contenitori.

L'ORDINANZA CHE VIETA DI BERE ALL'APERTO

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento