Omicidio Siponto, Mantovano: “Consegna sede Dda ferma, criminali avanti”

Dichiarazioni di Alfredo Mantovano, ex sottosegretario all’Interno, sull’uccisione di Antonio Balsamo e Francesco Saverio Castriotta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Il duplice omicidio nelle campagne di Siponto è l'ultima conferma della grave ripresa dell'aggressione criminale in tutto il territorio pugliese, in controtendenza, dal Foggiano al Brindisino, rispetto al lavoro svolto nel recente passato".

Lo afferma Alfredo Mantovano, ex sottosegretario all'Interno, a proposito del grave episodio di cronaca nera avvenuto ieri sera vicino Manfredonia, dove Antonio Balsamo e Francesco Saverio Castriotta sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco.

"Come aver considerato prioritaria la sicurezza in Puglia ha condotto negli ultimi anni alla cattura di pericolosi latitanti e alla moltiplicazione dei sequestri di beni - aggiunge – così ora la mancata considerazione nei fatti, oltre le pur apprezzabili enunciazioni verbali, del territorio pugliese fra ciò che merita attenzione privilegiata nella sicurezza nazionale ha ripreso a produrre esecuzioni e smarrimento. E' singolare che il duplice omicidio sia avvenuto a breve distanza dal luogo nel quale qualche mese fa tutto era pronto per la consegna alla Dda di Bari di un immobile confiscato da destinare a sede distaccata sul territorio: negli ultimi sei mesi quella 'pratica' è rimasta ferma - conclude Mantovano - i criminali sono andati avanti".

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento