Cronaca Vieste

Tentata rapina si trasforma in omicidio: 40enne ucciso a Vieste, fermato 26enne

Mario Nardella, figlio del proprietario di una rivendita di bevande di via Rossini, si era opposto al tentativo di rapina. E' morto dopo esser stato accoltellato da un 26enne

E’ finito nel sangue il tentativo di rapina compiuto in una rivendita di bevande di via Rossini a Vieste, che soltanto due mesi prima aveva subito un’altra rapina. Nel tardo pomeriggio di ieri, poco prima delle 19, un ragazzo di 26 anni, armato di coltello e coperto da passamontagna, è entrato nel deposito Nardella & Figli ‘Dettaglio Bevande’ minacciando il titolare di consegnargli l’incasso della giornata.

Mario Nardella, 40 anni, ha risposto al tentativo di rapina ma è stato raggiunto da diverse coltellate al torace. Il rapinatore, Silvio Stramacchia, è stato bloccato da un agente fuori servizio della polstrada e dai poliziotti del commissariato di Manfredonia mentre scappava tra le vie della città del faro e tentava di scavalcare un cancello di un fabbricato.

OMICIDIO A VIESTE, GLI AGGIORNAMENTI SUL CASO

Gli investigatori hanno poi trovato il corpo dell’uomo riverso a terra e il registratore di cassa aperto e sporco di sangue. Inutili sono stati i tentativi di salvargli la vita. Il passamontagna e il coltello utilizzati durante il tragico tentativo di rapina sono stati recuperati e sequestrati per le indagini coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, Vincenzo Maria Bafundi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentata rapina si trasforma in omicidio: 40enne ucciso a Vieste, fermato 26enne

FoggiaToday è in caricamento