rotate-mobile
Cronaca

32enne ucciso, don Antonio Carbone: "A Foggia ci stiamo rassegnando tristemente ai fatti di sangue"

L'amara riflessione di Don Antonio Carbone, durante l'omelia funebre recitata nel corso dei funerali di Pietro Russo, il 32enne foggiano ucciso la sera del 28 dicembre scorso davanti alla propria abitazione, in via Lucera. 

"Basta sangue, basta violenza, basta vendette, basta dolore, basta lutto, basta morti, basta genitori che piangono i propri figli e figli che piangono i propri genitori. Ci stiamo rassegnando tristemente ai fatti di sangue della nostra Città. Sta prendendo corpo l’indifferenza". È l'amara riflessione di Don Antonio Carbone, durante l'omelia funebre recitata nel corso dei funerali di Pietro Russo, il 32enne foggiano ucciso la sera del 28 dicembre scorso davanti alla propria abitazione, in via Lucera. 

"Questa grande tragedia che ha colpito Pietro deve fare in modo che ognuno di noi si assuma le proprie responsabilità, l’uccisione di un giovane, qualunque sia il motivo, non è un fatto privato di famiglia, è qualcosa che interpella tutti noi. Vogliamo giustizia, non vendetta. I delitti possono rimanere impuniti, ma non possono lasciare tranquillo chi li ha commessi. Chi uccide un uomo, non è cristiano perché bestemmia e nega con la propria vita Dio. Un uomo sparato avrà soltanto il tempo per morire ma a chi impugna una pistola resterà il tempo per vedere gli occhi di un uomo che muore", ha aggiunto. 

"Il Natale, la venuta di Gesù ci dice che la delinquenza e la violenza non prevarranno, non l’avranno vinta. Ognuno di noi deve impegnarsi alla creazione di un regno di giustizia, di amore e di pace. Bisogna essere vigilanti e operosi perché Foggia faccia onore alla sua storia e sia sempre più bella e accogliente. Abbiamo bisogno di uomini e donne di amore, non di onore; di servizio, non di sopraffazione. Caro Pietro, non è giusto perderti a 32 anni, non è giusto lasciare 4 bimbi senza il papà, non è giusto che aprendo la porta di casa si vada incontro alla morte.

Il buon Dio - ha concluso don Antonio - ti accolga nella sua casa, il bene e l’amore che hai donato siano il green pass per accedere in Paradiso. Per la numerosa famiglia che hai amato, che ti ama e continuerà ad amarti e che lasci nel pianto, in uno straziante dolore, chiediamo il sostegno della fede che è l’amore di Dio che non ci abbandona mai". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

32enne ucciso, don Antonio Carbone: "A Foggia ci stiamo rassegnando tristemente ai fatti di sangue"

FoggiaToday è in caricamento