"Merito la pena di morte", così l'assassino di Roberta Perillo ai giudici. Il sindaco di San Severo annuncia il lutto cittadino

Avrebbe detto così Francesco D'Angelo all'udienza di convalida davanti al Gip del Tribunale di Foggia, Maria Luisa Bencivenga. Lo rivela l’Ansa. L'uomo sarebbe anche in attesa di giudizio per stalking

"Merito la pena di morte". Avrebbe detto così Francesco D'Angelo - il foggiano di 37 anni che ha confessato di aver strangolato la fidanzata Roberta Perillo giovedì a San Severo - all'udienza di convalida davanti al Gip del Tribunale di Foggia, Maria Luisa Bencivenga. Lo rivela l’Ansa, che aggiunge che il 37enne è stato interrogato per un'ora e ha ribadito la confessione fornita giovedì notte al pm Alessio Marangelli, dopo aver adagiato nella vasca da bagno il corpo della donna, uccisa al termine di una ennesima lite perché lei voleva lasciarlo. Ha aggiunto solo qualche dettaglio: nel pomeriggio era andato a casa della fidanzata per restituirle alcuni oggetti e riprenderne altri vista la fine della relazione. Il Gip si pronuncerà nelle prossime ore; la Procura ha chiesto il carcere, la difesa non ha chiesto la scarcerazione ma una consulenza psichiatrica per D'Angelo, che verrà sorvegliato a vista per timore di gesti autolesionistici. Sempre Ansa sostiene che l’uomo sia anche in attesa di giudizio per stalking nei confronti di una dottoressa da cui pare fosse in cura. 

Intanto il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, ha annunciato il lutto cittadino per il giorno dei funerali di Roberta. “Siamo in attesa di conoscere la data dei funerali di Roberta – scrive il primo cittadino su Facebook-. Per quel giorno e nelle ore di durata del funerale proclamerò il Lutto cittadino. In quel giorno, in quelle ore San Severo si fermerà, in silenzio ognuno di noi rifletterà sull’accaduto e con la preghiera e/o con un pensiero onoreremo la memoria di Roberta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tentato omicidio davanti a un bar, estrae pistola e apre il fuoco per un debito di droga: fermato pregiudicato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento