menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia di Roma

La polizia di Roma

Arrestato 55enne foggiano: è accusato di aver soffocato e ucciso una donna

Si tratta di Antonio Baldassarre, ritenuto responsabile dell'omicidio di Liliana Conti, ex dipendente della Camera dei Deputati trovata morta nel suo appartamento di via Fabbretti il 3 luglio 2013

La polizia ha arrestato Antonio Baldassarre, 55enne foggiano ritenuto responsabile dell’omicidio di Liliana Conti, l’allora dipendente della Camera dei Deputati in pensione, ritrovata cadavere nella sua abitazione di via Raffaele Fabbretti, a Roma, il 3 luglio 2013. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma

L’esame autoptico consentì di determinare che la vittima era stata soffocata mediante l’utilizzo di un cuscino, rinvenuto poi nel bagno dell’appartamento. Le indagini, condotte dagli agenti della Squadra Mobile, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Roma, si erano concentrate nell’ambito familiare e amicale della deceduta, che consentiva l’accesso in casa a una ristrettissima cerchia di persone; peraltro non erano stati rilevati segni di effrazione che potessero indurre ad ipotizzare un’intrusione da parte di estranei.

La ricostruzione delle dinamiche familiari, la raccolta di testimonianze volte a ricostruire le relazioni della deceduta, nonché la valutazione delle condizioni economiche della vittima, benestante e con una pensione consistente, avevano indotto a ritenere plausibile movente dell’evento omicida quello degli interessi economici.

Gli elementi investigativi acquisiti, che facevano convergere le attenzioni proprio a carico del Baldassarre, compagno di una delle figlie di Liliana Conti, la ricostruzione dei suoi movimenti nell’arco temporale compatibile con la commissione del delitto e, da ultimo, i riscontri prodotti dalla Polizia Scientifica, consistenti nell’attribuzione all’arrestato del profilo del DNA estrapolato sotto le unghie della vittima, hanno consentito al Giudice competente di emettere la misura restrittiva in argomento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento