menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Menna e Ciocca

Menna e Ciocca

Omicidio Del Grosso, concesse le attenuanti generiche agli assassini: pena ridotta a 11 anni

E' stata ridotta da quindici a undici anni la pena ad Antonio Menna e Giuseppe Ciocca, accusati di aver ucciso Pasquale Del Grosso, che non ha minacciato o estorto denaro agli assassini

Con la sentenza di secondo grado di questa mattina è stata ridotta da 15 a 11 anni la pena nei confronti di Antonio Menna e Giuseppe Ciocca, accusati di aver ucciso il 16 gennaio 2014 l’ordonese Pasquale Del Grosso e di aver bruciato il suo corpo all’interno della Lancia Thema ritrovata poco dopo dai carabinieri sulla strada per Ascoli Satriano, completamente distrutta dalle fiamme. 

La corte ha confermato i capi d’accusa della prima sentenza: dall’omicidio alla distruzione del cadavere, dal danneggiamento seguito da incendio al porto illegale di armi. Ha concesso però a entrambi le attenuanti generiche in quanto i due imputati prima dell’omicidio erano incensurati e derubricato al reato di “lesioni” il tentato omicidio di Vitale, l’amico della vittima che uscì dalla macchina e fuggì dopo aver udito gli spari.

E’ stato invece accolto l’appello della parte civile che aveva chiesto l’esclusione dell’attenuante della provocazione. Del Grosso infatti non ha mai minacciato o estorto denaro a Menna e Ciocca. “Piccola soddisfazione” ha dichiarato l’avv. Serafina Stella (legale insieme all'avv. Pierluigi Favino), che in attesa di leggere le motivazioni della sentenza a FoggiaToday dichiara: “Pur comprendendo tecnicamente la pena, resto amareggiata per l’incongruità della stessa rispetto al valore della vita umana”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento