Omicidio Del Grosso, concesse le attenuanti generiche agli assassini: pena ridotta a 11 anni

E' stata ridotta da quindici a undici anni la pena ad Antonio Menna e Giuseppe Ciocca, accusati di aver ucciso Pasquale Del Grosso, che non ha minacciato o estorto denaro agli assassini

Menna e Ciocca

Con la sentenza di secondo grado di questa mattina è stata ridotta da 15 a 11 anni la pena nei confronti di Antonio Menna e Giuseppe Ciocca, accusati di aver ucciso il 16 gennaio 2014 l’ordonese Pasquale Del Grosso e di aver bruciato il suo corpo all’interno della Lancia Thema ritrovata poco dopo dai carabinieri sulla strada per Ascoli Satriano, completamente distrutta dalle fiamme. 

La corte ha confermato i capi d’accusa della prima sentenza: dall’omicidio alla distruzione del cadavere, dal danneggiamento seguito da incendio al porto illegale di armi. Ha concesso però a entrambi le attenuanti generiche in quanto i due imputati prima dell’omicidio erano incensurati e derubricato al reato di “lesioni” il tentato omicidio di Vitale, l’amico della vittima che uscì dalla macchina e fuggì dopo aver udito gli spari.

E’ stato invece accolto l’appello della parte civile che aveva chiesto l’esclusione dell’attenuante della provocazione. Del Grosso infatti non ha mai minacciato o estorto denaro a Menna e Ciocca. “Piccola soddisfazione” ha dichiarato l’avv. Serafina Stella (legale insieme all'avv. Pierluigi Favino), che in attesa di leggere le motivazioni della sentenza a FoggiaToday dichiara: “Pur comprendendo tecnicamente la pena, resto amareggiata per l’incongruità della stessa rispetto al valore della vita umana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

Torna su
FoggiaToday è in caricamento