Cronaca

Occupano casa abusivamente, incastrati dai rumori dei lavori di ristrutturazione. Scatta il blitz: "Hanno ridotto l'alloggio a brandelli"

Sottratto all'illegalità un altro alloggio dell'Arca Capitanata che ora dovrà provvedere a ripristinarne l'abilitabilità prima dell'assegnazione

Occupavano abusivamente un alloggio ed evidentemente erano in procinto di ristrutturarlo, ma il trambusto dei lavori li ha incastrati. Così l'Arca Capitanata ha scoperto un'altra abitazione sottratta al legittimo assegnatario ed è scattato il blitz di Polizia di Stato e Polizia Locale. Quando gli agenti hanno varcato la soglia, assieme ai funzionari dell'Agenzia regionale per la Casa e l'Abitare, si sono ritrovati in un appartamento ridotto a brandelli, dove erano chiaramente in corso degli interventi edilizi.

L'alloggio non rientrava nella programmazione degli sgomberi redatta insieme alla Commissione straordinaria, a Questure e Prefettura, e si aggiunge al novero delle case popolari che possono tornare a disposizione degli aventi diritto.   

"Oggi Arca Capitanata ha vinto un'altra importante battaglia contro le occupazioni abusive a Foggia", esulta l'amministratore unico Denny Pascarella. Ora, però, l'ex Iacp dovrà provvedere a rimettere in sesto l'alloggio prima della regolare assegnazione. "Purtroppo per tutti era devastato e in gravi condizioni. Dovremo ripristinarne l’abitabilità: questo comporterà tempo e la necessità di garantire una vigilanza permanente contro possibili nuovi abusivi. Sono costi e risorse che questa guerra all’illegalità ci impone, ma noi siamo e saremo pronti e responsabili. Non ci arrendiamo - conclude Pascarella - lo dobbiamo all’intera comunità di Foggia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupano casa abusivamente, incastrati dai rumori dei lavori di ristrutturazione. Scatta il blitz: "Hanno ridotto l'alloggio a brandelli"

FoggiaToday è in caricamento