menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, dall'inizio dell'emergenza 1057 decessi in Puglia. Fitto: "Alta mortalità, numeri allarmanti"

L'esponente dei Fratelli d'Italia conclude: "Ora che la campagna elettorale è finita, possibile che, di fronte a questa drammatica realtà, i vertici della Sanità pugliese non si interroghino su questi numeri e soprattutto sulle cause di questa alta ‘mortalità?"

1057 persone decedute positive al Covid dall'inizio dell'emergenza saniratia a ieri 17 novembre. Questo il dato della Regione Puglia, tra le regioni del centro sud con il più alto numero di contagiati. Dall'inizio dell'emergenza sono 36.716. "Significa che ognni 1000 positivi muoiono 28,77 pugliesi" tuona Raffaele Fitto. 

Questi gli altri numeri dei decessi nelle province del centro-sud: 1085 in Campania su oltre 118mila casi, 981 in Sicilia su 44691 contagi totali, 340 in Sardegna su 16096 casi, 187 in Calabria su poco più di 11mila casi, 85 in Basilicata su 5375 casi, 72 in Molise su 3268 positivi, 1739 nel Lazio su oltre 89mila casi, 1967 in Toscana su 84197 casi, 1130 nelle Marche su 23995 casi, 703 in Abruzzo su 20552 casi, 275 in Ubria su 19500 positivi.

Il co-presidente del gruppo europeo ECR-Fratelli d’Italia e consigliere regionale aggiunge: .“Anche in questa seconda ondata Covid vi è un numero, quello dei deceduti, che, come pugliesi, dovrebbe allarmarci e far aprire una riflessione seria, su base scientifica. Per avere un dato di confronto: in Campania l’indice è del 9.24".

E ancora, aggiunge Fitto, "durante il primo lockdown evidenziammo il triste primato pugliese, ma fummo liquidati con sufficienza e risposte stizzite di chi riteneva che facessimo solo allarmismo propagandistico ed elettorale. Non era chiaramente così, visto che oggi, come ieri, sono i numeri che parlano e che riproponiamo con grande preoccupazione: perché in Puglia si muore di più rispetto a molte altre regioni?"

L'esponente dei Fratelli d'Italia conclude: "Ora che la campagna elettorale è finita, possibile che, di fronte a questa drammatica realtà, i vertici della Sanità pugliese non si interroghino su questi numeri e soprattutto sulle cause di questa alta ‘mortalità?"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento