Apricena: al via il progetto del “nonno vigile”

C’è tempo fino al 23 gennaio per presentare la propria adesione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Garantire maggiore controllo in prossimità dei tanti edifici scolastici della Città. Il Comune di Apricena, su proposta unanime del Consiglio comunale istituisce la figura del “Nonno Vigile” che aiuterà gli agenti di Polizia Municipale nell’attività di sicurezza all’uscita delle scuole. Il progetto è rivolto ai pensionati tra i 50 e i 70 anni residenti ad Apricena con idoneità psicofisica certificata dal medico di base. Gli interessati possono presentare domanda entro il 23 gennaio.

La richiesta di adesione va redatta sull’apposito modulo disponibile presso il Comando di Polizia Municipale. Gli aspiranti, oltre ai requisiti già citati, devono godere dei diritti civili e politici e non essere stati condannati con sentenza definitiva per delitti colposi contro le persone e/o il patrimonio. Presteranno la loro opera volontaria davanti alle scuole dell’infanzia, primarie e medie inferiori. Il bando e il regolamento sono disponibili sul sito istituzionale www.comune.apricena.fg.it.

“Con questa iniziativa – spiega il sindaco Antonio Potenza – contiamo di ottenere il duplice obiettivo di fornire un valido supporto agli agenti di Polizia Municipale e di dare la possibilità a tanti pensionati della nostra Città di mettere a disposizione parte del loro tempo in un servizio fondamentale per la Collettività”.

“Si tratta – prosegue il primo cittadino – di un importante aiuto che serve, in parte, anche a sopperire alle carenze di organico del nostro corpo di Vigili Urbani. Un problema che questa Amministrazione – conclude Potenza – conta di risolvere con la pubblicazione, a breve termine, del bando per l’assunzione di sette nuovi agenti, come già annunciato nei giorni scorsi durante la prima Assemblea Pubblica con i Cittadini di Casa Matteo Salvatore”.

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento