Da Manfredonia l’armata anti-trivelle sfida il Governo: “Che fate, revocate?”

Emiliano, Miglio, Pecorella, i sindaci, le associazioni ambientaliste e la rete ‘NOTRIV’ hanno sottoscritto un documento con cui chiedono la revoca dell’autorizzazione, altrimenti sarà impugnata dinanzi al Tar

La manifestazione a Manfredonia

C’era anche il presidente della Regione Puglia questa mattina nella sala consiliare del comune Manfredonia, all'iniziativa contro la ricerca di idrocarburi alle Isole Tremiti, alla quale hanno preso parte tutti i rappresentanti istituzionali del territorio e le associazioni ‘No-Triv, che hanno ribadito il “no” alla ricerca del petrolio nel mare Adriatico al largo delle Isole Tremiti, autorizzata il 22 dicembre scorso dal Ministero dello Sviluppo economico alla Petroceltic Italia per appena duemila euro all’anno, nello specchio d’acqua del mare Adriatico, a 12miglia dalla Diomedee.

Queste le dichiarazioni del governatore della Regione Puglia: "Sia pure con garbo stiamo chiedendo al governo, che non ci ha fatto capire ancora quale è la sua linea politica, se pensa che la ricerca di idrocarburi sia una delle soluzioni alla crisi italiana. Se è così, il governo deve dirlo apertamente. Dopo di che noi valuteremo, come abbiamo già fatto, se fare referendum, iniziative politiche, dibattiti all’interno dei partiti. Quello che non può accadere è che tutta questa storia venga gestita negli uffici come se fosse una pratica burocratica, così come è accaduto per le isole Tremiti. Sulle isole Tremiti, tra l’altro, è stato emesso un provvedimento, secondo me, pieno di illegittimità. Stiamo aspettando che il governo ci faccia sapere se la nostra richiesta di ritiro verrà accolta o meno, una richiesta che peraltro è stata sostenuta da tutti i parlamentari pugliesi, e di questo ovviamente non posso che ringraziarli. Ci auguriamo anche che il governo, visto che i presidenti delle regioni sono eletti, si sieda ad un tavolo per discutere con noi della politica energetica nella parte che riguarda le regioni. È una richiesta provocatoria? Stiamo facendo questo per ragioni strane? No. È una banalissima richiesta di discussione”.

Emiliano ha ricordato che non è la prima volta che Manfredonia dice no alle trivelle: "Nel 2012 da sindaco di Bari sentii il dovere di essere qui per una grande manifestazione No-triv. Oggi torno da presidente della Regione chiedendo al Governo quale sia la sua politica energetica e, soprattutto, chiedendo di ascoltare il nostro punto di vista. La mancanza di una strategia comune rende infatti impossibile ogni tipo di valutazione. L'Italia a livello internazionale si impegna per la riduzione del Co2, per ridurre l'estrazione di combustibili fossili, per abbassare i livelli di inquinamento che determinano il riscaldamento globale e per scongiurare rischi ambientali che potrebbero verificarsi non tra duemila ma tra cinquant'anni. Chiediamo al Governo quale risultato intende ottenere con questa spinta alle autorizzazioni a ricercare petrolio, visto che nell'Adriatico ce ne sono già molte".

78 al momento le concessioni funzionanti per l’estrazione di gas e di petrolio, 17 permessi di ricerca già rilasciati nell’area italiana e 29 in fase di rilascio in quella croata, cui si aggiungono 24 ulteriori richieste. L’Adriatico, mare chiuso e dagli equilibri ambientali fragili, non può sopportare questi rischi

Il presidente ha aggiunto: "La Regione Puglia è al fianco del Governo della Repubblica come prevede la Costituzione, nella prassi e nella forma. Ma la Costituzione ha anche uno spirito che va tutelato, che prevede che su alcune grandi questioni le decisioni vengano prese in modo comune. Per la Puglia, ricerca di petrolio e trivellazioni sono una minaccia e non un'opportunità, in un mare come l'Adriatico che non è un oceano ma un mare chiuso".

Emiliano ha quindi ringraziato tutto il movimento No-Triv, esempio di "ambientalismo combattente e intelligente". L'assemblea si è conclusa con la sottoscrizione di un documento dei presidenti della Regione Puglia, della Provincia di Foggia e del Parco Nazionale del Gargano; dei sindaci dei comuni pugliesi, delle associazioni ambientaliste e della rete ‘NOTRIV’, con il quale si invita il governo a revocare l’autorizzazione alla Petroceltic: “Qualora i ministeri dovessero perseverare nell'assurda politica energetica cui condannare l'Adriatico e che espone l’Italia ad eventuale procedura d’infrazione del diritto comunitario, impugneremo l’autorizzazione alla Petroceltic innanzi al TAR del Lazio. L'Assemblea, infine, prosegue l'impegno della battaglia referendaria”.

Nel documento si legge: “Ribadiamo, ancora una volta, la nostra ferma contrarietà alla ricerca di idrocarburi nell’Adriatico poiché rappresenta un’offesa alla bellezza e alla biodiversità del mare, un danno per altri settori strategici della nostra economia, come il turismo, la pesca e la blu economy. La scelta petrolifera è un rischio senza benefici per le comunità costiere e per tutto il Paese: il greggio presente nel sottosuolo marino italiano, stimato in circa 10 milioni di tonnellate, di scarsa qualità, soddisferebbe il fabbisogno energetico nazionale per appena due mesi con scarsi effetti sull’indipendenza energetica dell’Italia.  In cambio, alla scarsità dei vantaggi corrisponde la grande preoccupazione che desta l’estrazione degli idrocarburi in mare per le possibili perdite sia normali, sia per incidenti, con i danni che deriverebbero per le zone costiere che vivono di turismo e di pesca.  

E poi ancora: A tale rischio si aggiungono, nell’attuale fase, i danni alla fauna ittica causati dalla tecnica utilizzata per l’individuazione dei giacimenti di idrocarburi, attraverso il cosiddetto airgun.  Tale pratica di ricerca, che il Governo ha autorizzato in prossimità delle Tremiti, può avere effetti a decine di chilometri di distanza, almeno 50 (rapporto ISPRA del Maggio 2012) in quanto le esplosioni delle prospezioni sismiche producono fortissimo rumore che investe l’ambiente marino. Le Isole Tremiti sono a 24 km dalla area in cui è stata autorizzata, da parte Ministero dello Sviluppo economico, la ricerca della Petroceltic in un ambiente delicato come quello dell’Adriatico e in prossimità di una delle più belle aree protette marine del Pianeta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento