Neonato rischia di soffocare, la corsa disperata del papà in ospedale: "Necessario un pronto soccorso pediatrico"

Un papà foggiano racconta l'episodio avvenuto la notte del 21 ottobre scorso, quando suo figlio, di appena 18 giorni, ha rischiato di soffocare nel sonno

Immagine di repertorio

La paura, il senso di impotenza e lo smarrimento. Sono alcune delle tantissime sensazioni che, in una manciata di minuti che sembrano un'eternità, si affollano nella mente di un genitore che vede il proprio bambino di appena 18 giorni piangere a dirotto e perdere fiato, fino a diventare scuro in viso.

E' il racconto di un papà foggiano e della sua corsa disperata verso gli Ospedali Riuniti di Foggia. "É il 21 ottobre 2019, mio figlio di 18 giorni si sta soffocando nel sonno", racconta. "Chiamo il 118 e l’operatrice mi dice di portare personalmente il bambino in ospedale con la mia auto. Decido di aspettare comunque l’ambulanza in casa, ma le parole del 118 mi lasciano sospettare una lunga attesa ed il bambino è già nero in viso: decido quindi di correre al pronto soccorso in auto, ma l’ospedale è inaccessibile, la storica rotatoria è sbarrata".

"Tento un giro su via Napoli, dove trovo un accesso alternativo, salto giù dalla macchina e corro in pronto soccorso per scoprire brutalmente che a Foggia non esiste il pronto soccorso pediatrico. Intanto, il neonato, sfinito, lotta cercando di respirare. I secondi sembrano eternità. Vengo indirizzato nel Reparto Neonatale dall’altra parte della strada, nell'altra palazzina. Da solo, al freddo, nella nebbia notturna, attraverso la strada ed entro in un edificio vuoto e con indicazioni inesistenti: corro per i piani e nei reparti alla ricerca di aiuto. Dopo 10 minuti di altro terrore raggiungo la Neonatologia Intensiva, trovo finalmente personale disponibile e gentile: mio figlio per questa volta è vivo".

"Il bimbo è stato dimesso la stessa notte, dopo poche ore", racconta il padre a FoggiaToday. "Il medico sostiene che il bimbo potrebbe aver 'respirato' del latte durante il sonno oppure si è trattato di un'apnea notturna. Un capoluogo di provincia non può non avere un pronto soccorso pediatrico di facile accesso", denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento