menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decaro blinda Bari. Foggia attende di sapere se tornerà zona 'Gialla'. Per Natale niente eventi ma alberi e luminarie

Alberi e luminarie a Foggia. I costi sostenuti e quelli risparmiati. Il 14 si saprà se Foggia tornerà in Zona Gialla. A Bari il sindaco Antonio Decaro blinda week-end e vigilie di Natale e Capodanno

Mentre a Bari Antonio Decaro blinda la città nei giorni 12, 13, 19, 20, 24, 27 e 31 dicembre, con una ordinanza che contiene limitazioni sui comportamenti sociali e restrizioni per le attività economiche con l’obiettivo di evitare assembramenti nelle giornate dei fine settimana di dicembre e della vigilia di Natale e Capodanno, a Foggia si attende di sapere se dal 14 dicembre in poi si tornerà o meno in zona gialla.

Nel frattempo sono in corso gli allestimenti per le festività di Natale, "diverso ma non per questo meno autentico" per dirla alla Conte. Non ci saranno eventi che rischiano di determinare assembramenti, quali mercati, eventi musicali e street food, ma il Comune non ha rinunciato ad alberi, installazioni e luminarie, dall'8 dicembre al 6 gennaio; a partire dall'abete davanti a palazzo di città e all’addobbo di ottanta tronchi dei tigli lungo Corso Giannone con luci ad alta intensità. Costo dell'intervento 10.845 euro iva compresa.

Altri 14.640 euro sono stati spesi per l'affidamento del noleggio dell'albero di Natale ubicato davanti al pronao della villa comunale. Ammonta invece a 17.080 l'impegno di spesa per l'affidamento del servizio di montaggio, smontaggio e assistenza impianto dell'impianto di illuminazione artistica davanti al pronao della villa comunale. 

Altri 41.480 più iva sono stati impegnati per l'affidamento della fornitura di luminarie da installare in centro. 

Nel buio della pandemia il Comune di Foggia prova a lenire le sofferenze di tanti concittadini che hanno perso un proprio caro o anche un lavoro, con la luce del Natale, quest'anno sottotono, causa Covid, rispetto alla magia e all'allegria respirata negli anni scorsi.

I circa 100mila euro risparmiati per gli eventi natalizi e le luminarie saranno destinati alle famiglie bisognose che non possono acquistare tablet o computer per consentire ai propri figli di studiare. "Questo sarà un Natale diverso da tutti gli altri, all’insegna della sobrietà, ma con un grande spirito di solidarietà" aveva dichiarato il sindaco il 27 novembre scorso.

Nel frattempo il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia - dopo la decisione del presidente nazionale dell'Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro - fa sapere che "il governo è e sarà sempre vicino a tutti quei comuni, come quello di Bari, che dinanzi al pericolo di una possibile e probabile recrudescenza dei contagi durante queste festività ha deciso nella sua autonomia normativa di disporre restrizioni alla circolazione e alle attività".

"I sindaci - aggiunge Boccia - sono chiamati a collaborare per gestire il grande pericolo di questa seconda ondata che, se non bloccata, ci condurrà inevitabilmente alla terza. Nessun amministratore vorrebbe mai disporre restrizioni ai cittadini ma il dovere di assicurare la tutela della salute oggi è prevalente su tutto. Non esistono amministratori buoni e altri cattivi, ma deve esistere solo il senso di responsabilità nei confronti della collettività"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento