menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foggiani incivili, parcheggi sbagliati: scattano le 'Multe Morali' (perché non si può fare quello che si vuole)

Ottavia Foggia, gruppo informale di alcuni ragazzi, è entrato in azione all'indomani della manifestazione 'Foggia Libera Foggia'. Multe morali agli automobilisti incivili

Da ormai alcune settimane a Foggia c'è Ottavia, un gruppo "informale" di ragazzi che si che si riunisce e lavora per stimolare l'attività sociale soprattutto nei giovani e spingere i cittadini ad assumere comportamenti quotidiani corretti, che si propone di costruire processi di aggregazione, attivazione e innovazione sociale con l'intento di cercare soluzioni dal basso, al degrado, al disagio e alla rassegnazione.

All'indomani della manifestazione 'Foggia Libera Foggia', che ha visto migliaia di persone attraversare le vie della città, da viale Candelaro a via Lanza, contro la violenza criminale delle mafie, il gruppo è entrato in azione con le 'Multe Morali': "Abbia scelto di farlo ieri, all’indomani della marcia, per dimostrare che il vento del cambiamento non deve fermarsi, ma vivere assiduamente dentro ognuno di noi" scrive Mario, uno dei componenti di Ottavia.

Multa Morale

Ai sensi dei diritti dei pedoni, visto che le auto hanno già la maggior parte dello spazio stradale; considerato che se facessi quattro passi, un parcheggio lo troveresti un po' più là (e ti farebbe bene), per aver parcheggiato sul marciapiede, per aver parcheggiato sulle strisce pedonali, per aver parcheggiato su area riservata a persone invalide, per aver parcheggiato nell'area a traffico limitato, altro. 

"Siamo consapevoli del fatto che non siano le macchine parcheggiate sul marciapiede a costituire il perno dell’emergenza criminale, ma la nostra amata Foggia è da tempo, ormai, attanagliata in una cappa di illegalità che facilita senza dubbio lo sviluppo della mafia" sottolinea Mario.

Il gruppo Ottavia Foggia conclude: "Abbiamo bisogno di creare progetti sociali e culturali a lungo termine, ma nel frattempo è necessario un controllo serrato da parte dello Stato altrimenti sarà sempre come quando eravamo piccoli, eravamo soli a casa e ci sembrava di poter fare quello che volevamo!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento