rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Cronaca Deliceto

La Capitanata piange il dott. Francesco Pazienza, colonna portante della categoria dei medici

Medico di base ed ex amministratore comunale di Deliceto, era il segretario regionale della Puglia e dirigente nazionale del Sindacato Medici Italiani,

La Puglia piange Francesco Pazienza, segretario regionale della Puglia e dirigente nazionale del Sindacato Medici Italiani, medico di base ed ex amministratore del Comune di Deliceto. E' deceduto dopo una lunga malattia ieri primo aprile.

"Lo Smi piange un grande amico e un medico dedicato alla sua professione e al lavoro politico da sindacalista innamorato della sana politica per la tutela del lavoro della professione. Piango insieme alla sua famiglia da amico un uomo e collega che è stato fondamentale per tante battaglie democratiche sempre dedicato al confronto e all’amore per la professione”, scrive Ludovico Abbaticchio, presidente nazionale Smi.

Tanti i messaggi di cordoglio comparsi sui social. Lo ricorda così il medico Marcello Menga: "La categoria perde una colonna portante, uno strenuo difensore dei diritti di tutti medici, un valorosissimo combattente sempre pronto a schierarsi per il riconoscimento e la tutela della professione medica. Con la sua dipartita perdiamo non solo un valentissimo collega ma un riferimento costante, una voce critica ma sempre benevola. Discorrere con lui dei problemi della professione anche se lungamente era sempre piacevole per la sua proverbiale capacità di mediare e di infondere speranza. Mi rattrista molto la dipartita di Franco che mi ha sempre attestato i sensi di sincera stima e di fraterna amicizia".

"La notizia mi addolora fortemente. Abbiamo cominciato insieme il nostro percorso lavorativo,poi le nostre strade si sono divise, lui come medico di famiglia ed io come medico ospedaliero .Ma sempre rimasti amici.Era una persona speciale.! È come se fosse andata Via un pezzo della mia storia" scrive Rossana.

"Franco qualsiasi parola è superflua... Hai combattuto la tua malattia sempre a testa alta e col sorriso. Sei stato un amico fraterno, uno dei primi a sapere della mia bimba, insieme alla mia famiglia. Una persona speciale. Una persona di quelle che nessuno dimentica. Una persona di quelle che cambiano la storia. Uno su cui tutti abbiamo potuto e abbiamo fatto affidamento. La parola giusta al momento giusto, sempre. Hai onorato fino all'ultimo tutti gli impegni presi, neanche per un attimo sei stato assente, per chiunque. Innamorato della tua bellissima famiglia, mi hai raccontato aneddoti divertenti che porterò sempre nel mio cuore. So esattamente cosa mi diresti ora, ora che non riesco a smettere di piangere...ma che posso farci, non sono così forte come hai sempre creduto. Farò di tutto per mantenere le promesse che ti ho fatto, e scusami perché so già che non ne sarò sempre all'altezza. Sei stato un grande Maestro, di vita, di sindacato, di politica. Guidami da lassù, perché qui sarà un disastro senza di Te" il dolore della collega di San Giovanni Rotondo Nunzia Pia Placentino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Capitanata piange il dott. Francesco Pazienza, colonna portante della categoria dei medici

FoggiaToday è in caricamento