Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

"Matteo non c'è più"

Il suo ritrovamento aveva fatto tirare un sospiro di sollievo. Era tornato a Vittorio Veneto, ieri il triste epilogo

Il 25 aprile scorso lo cercavano disperatamente sui Mont Dauni, dopo l’avvistamento del suo lupo cecoslovacco, l’inseparabile Hope, tra Castelnuovo della Daunia e Petramontecorvino. Era partito il tam tam della Rete, e tutta la provincia di Foggia aveva rilanciato l’appello.

Matteo, un giovane che arrivava dalla provincia di Treviso, il giorno dopo, era stato rintracciato all’ospedale di San Severo. Purtroppo, ora non c’è più. A darne notizia è l’animalista Anna Rita Melfitani, presidente di Guerrieri con la Coda, che era rimasta in contatto con il papà, e ieri ha ricevuto la telefonata che non avrebbe mai voluto ricevere. “Una coltellata al cuore”, scrive sui social.

Da pochi giorni, riferisce, era tornato nella sua città, Vittorio Veneto, ed era stato ricoverato in ospedale. Era proprio la famiglia ad aggiornarla ogni giorno sulle sue condizioni. “Fino all’altro giorno andava tutto bene”. Poi la triste notizia. “Corri Matteo, ora sei libero sul serio – è l’addio dell’animalista foggiana che ha seguito la sua vicenda - e mi auguro che ora, dove sei tu, abbia trovato la pace”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Matteo non c'è più"
FoggiaToday è in caricamento