Luciano Del Vicario non ce l'ha fatta: è morto per le gravi ferite e ustioni riportate nell'esplosione di San Severo

Aveva 43 anni Luciano Del Vicario, la vittima dell'esplosione avvenuta presso la fabbrica di famiglia nel pomeriggio del 31 luglio. E' deceduto nel centro grandi ustioni di Cesena

Nella foto da Facebook Luciano del Vicario

Luciano Del Vicario non ce l'ha fatta. Rimasto gravemente ferito nell'esplosione ell'azienda di famiglia a 7 km da San Severo in località Casone, l'artigiano della pirotecnica si è spento ieri sera presso il centro grandi ustioni di Cesena, dove era stato trasportato d'urgenza in elisoccorso dal policlinico Riuniti di Foggia.

Troppo gravi le ferite e le ustioni riportate dal 43enne nella drammatica deflagrazione. Il suo cuore purtroppo non ha retto. 

A darne notizie nella tarda serata di ieri 1 agosto 2020 il sindaco Francesco Miglio: "Luciano da qualche minuto ha incontrato Cosimo e adesso stanno certamente felici insieme in un mondo migliore di questo. Alla famiglia del Vicario il mio abbraccio fraterno e di tutta la nostra comunità cittadina".

Soltanto due anni fa, sempre per via di una violenta esplosione nell'azienda di famiglia, era deceduto il 35enne Cosimo Del Vicario. Oggi, a distanza di poco più di due anni, amici, conoscenti e parenti, piangono Luciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento