Cronaca

Si è spento Fr. Massimo Montagano, appassionato di teatro e punto di riferimento dei giovani. "Grave perdita per Vico"

I funerali si terranno il 29 gennaio alle 11 presso la chiesa di San Pietro di Vico, mentre la salma sarà tumulata nel cimitero di San Giovanni Rotondo. Il ricordo di Michele Sementino, primo cittadino della cittadina dell'amore e degli agrumi

Frate Massimo Montagano, foto ordine Francesco secolare di Ischitella

Si è spento questa mattina frate Massimo da Casacalenda (al secolo Pasquale Montagano), sacerdote professo della Provincia religiosa di Sant'Angelo e Padre Pio dei Frati Minori Cappuccini.

Appassionato di teatro, aveva fondato a Foggia un laboratorio teatrale, dove insegnava dizione. Dopo il trasferimento al convento di Vico del Gargano ha organizzato corsi di recitazione anche nel rinomato centro, coinvolgendo ragazzi e giovani. Era componente del consiglio della Fondazione 'Voce di Padre Pio' e spesso prestava la sua voce per i programmi di Padre Pio Tv.

In diversi anni, al termine della veglia del 22 settembre, fr. Massimo è stato il lettore della testimonianza scritta da padre Pellegrino Funicelli sulle ultime ore di vita di Padre Pio e sulla sua morte.

I funerali si terranno il 29 gennaio alle 11 presso la chiesa di San Pietro di Vico, mentre la salma sarà tumulata nel cimitero di San Giovanni Rotondo.

Michele Sementino, primo cittadino della cittadina dell'amore e degli agrumi, lo ricorda così: "E' stato una figura veramente importante per Vico del Gargano.

Per ricordare la sua opera e porgere le condoglianze ai suoi cari, Sementino si è affidato alle parole di Enzo Azzarone: "Il rigore della sua formazione legata al mondo del teatro l’aveva applicato allo studio della storia di Vico del Gargano. Il frate cappuccino della provincia di Sant'Angelo Massimo Montagano, era senza dubbio il principale esperto. La sua era diventata la voce narrante di secoli e vicissitudini spesso non tramandate nei libri ma nascoste in documenti dimenticati in archivi, in iscrizioni, in dipinti custoditi in piccole chiese che lui riusciva a trovare e a portare alla luce. Con la sua morte, avvenuta questa notte, Vico del Gargano piange una delle figure principali del suo contesto culturale e storico, un ricercatore attento e preciso. Era riconosciuto come un punto di riferimento e numerose sono state le pubblicazioni a sua firma di rilevanza locale e provinciale. Una vera istituzione. Da sempre aveva coltivato la passione per lo studio della storia del teatro dove nulla era lasciato al caso o al sentito dire. La sua scomparsa lascia un profondo dolore nella comunità. Nessuno si aspettava che fra Massimo ponesse fine ai suoi giorni in maniera così inaspettata. Fra Massimo era una figura importante nel contesto culturale e storico del nostro comune, era molto attivo in tutte le iniziative che riguardavano la storia di Vico del Gargano. La sua scomparsa rappresenta una grave perdita per la comunità. Alla sua famiglia, e a tutta la sua famiglia cappuccina le più sentite condoglianze"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si è spento Fr. Massimo Montagano, appassionato di teatro e punto di riferimento dei giovani. "Grave perdita per Vico"

FoggiaToday è in caricamento