Trovato in fin di vita al parcheggio Zuretti, muore dopo 15 giorni di agonia: il dramma di Siddou

E' morto la scorsa notte, dopo 15 giorni di ricovero in ospedale, il 32enne del Niger trovato in fin di vita al piano interrato del parcheggio di corso Roma a Foggia. Sull'accaduto indaga la squadra mobile

Siddou Oumarou Mamane

E’ morto la scorsa notte, agli Ospedali Riuniti di Foggia, il 32enne del Niger trovato in fin di vita la notte tra il 24 ed il 25 dicembre, al piano inferiore del parcheggio Zuretti, in corso Roma, a Foggia.

Siddou Oumarou Mamane, volontario della Croce Rossa e interprete, era stato ritrovato privo di coscienza, riverso al suolo, dopo un volo di alcuni metri causato dalla caduta dal piano terra della struttura a quello interrato. A trovarlo in condizioni disperate fu, intorno alle 3 del mattino, il vigilantes che allertò immediatamente i soccorsi e la polizia.

A due settimane dal tragico incidente, Siddou è morto. In questi 15 giorni di ricovero in rianimazione non ha mai ripreso conoscenza. Sulla vicenda sono in corso le indagini degli agenti della Squadra Mobile di Foggia che hanno acquisito i filmati del sistema di videosorveglianza della struttura. Le telecamere al livello -1, spiegano gli inquirenti, mostrano la caduta del 32enne ma non ciò che l’ha determinata: è stato spinto oppure è precipitato per una fatalità?

Gli inquirenti hanno ascoltato la compagna dell’uomo, gli amici ed i conoscenti della vittima per ricostruirne gli attimi prima dell’incidente. Secondo alcune indiscrezioni, l’uomo aveva trascorso la serata con degli amici, con i quali si era salutato nei pressi della sua abitazione. Ma il 32enne a casa non è mai arrivato. La polizia ha acquisito anche la cartella clinica dell’uomo per verificare se le lesioni riscontrate dai medici possano indicare una precedente aggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esclusa, al momento, l’ipotesi del suicidio: il 32enne era un uomo impegnato nella società e cordiale con tutti. Era impegnato con la Croce Rossa e svolgeva l’attività di interprete e mediatore culturale presso il Cara di Borgo Mezzanone. Frequentava corsi serali per acquisire un titolo di studio con il quale ambire ad un lavoro e ad un futuro migliore. Qualcosa però è andato storto, e i sogni di Siddou si sono infranti al suolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento