Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

Roberta Perillo non è morta per strangolamento. Questa la prima verità sull'omicidio di via Rodi a San Severo confessato dal fidanzato Francesco D'Angelo

Roberta Perillo

Non è morta strangolata Roberta Perillo, la 32enne di San Severo uccisa in via Rodi dal fidanzato reo confesso Francesco D'Angelo. Durante l'autopsia eseguita questa mattina dal medico legale Luigi Cipolloni, alla presenza del consulente nominato dalla difesa composta dagli avvocati Guido De Rossi e Consiglia Sponsano, Michele Bellomo, non sarebbero emersi segni di violenza sul collo, ad eccezione di alcune ecchimosi.

Quindi nessun elemento che farebbe pensare ad una collottuzione. Sembrerebbe invece che la vittima non si sia potuta difendere, ma saranno gli esiti ufficiali dell'esame autoptico a stabilire altri dettagli importanti (entro sessanta giorni di tempo).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani mattina la Procura di Foggia firmerà il nullaosta per la restituzione della salma, mentre con grande probabilità i funerali potrebbero svolgersi venerdì pomeriggio. Per quella giornata il sindaco Francesco Miglio proclamerà il lutto cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Bollettino tragico: quattro morti in provincia di Foggia, solo oggi 120 positivi al Coronavirus in Puglia

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento