Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

"Non ci fanno sapere nulla". Lo strazio dei familiari del marinaio foggiano trovato senza vita sulla nave 'Staffetta': "Vogliamo la verità"

Lo sfogo della sorella che non riesce ad avere notizie sulla morte del 21enne: “non aveva un porto d'armi” e “si teneva lontano da cose pericolose”

“È morto mio fratello. Non so come, non so quando, non so perché. Chiamo e non mi fanno sapere nulla di concreto. Ho un forte dolore nel cuore. Raccolgo i miei genitori da terra. Il dolore è troppo forte. Ora compaiono notizie sui giornali e in televisione ma a noi non dice niente nessuno”.

È straziante lo sfogo della sorella del marinaio di 21 anni della provincia di Foggia trovato senza vita, alle prime luci dell’alba del 6 agosto, a bordo della nave ‘Staffetta’ della Marina Militare, ormeggiata a Brindisi.

La famiglia chiede di conoscere la verità. Non ha avuto alcuna notizia, a parte quelle riportate dalla stampa che parlano di un colpo d'arma da fuoco e una pistola ritrovata nelle vicinanze del corpo. Le condoglianze a nome di tutta la forza armata sono arrivate con una chiamata tramite WhatsApp. Sono tanti gli interrogativi che tormentano la sorella del 21enne.

“L'ipotesi di suicidio è apparsa ovunque come la peste senza che la famiglia sapesse nulla – scrive -Il dramma non è finito con le ‘sentite condoglianze’ fatte per telefono ma continuerà ancora per molto tempo visto che nessuno ci fa sapere nulla di concreto”. La famiglia è venuta a sapere di questa ipotesi dalla televisione e dai media. “Nessuna fotografia. Nessuna informazione in più”.

Si è sentita rispondere che sarebbe stato inutile per i genitori partire per Brindisi per vedere il corpo. “Non si può”, le avrebbero detto spiegandole che avrebbero dovuto aspettare lunedì o forse anche martedì. “Io non mi sento tutelata. La mia famiglia non si sente tutelata”.

La famiglia è in Abruzzo, dove il giovane marinaio ha vissuto per anni. "Non chiamate ora le onoranze funebri, aspettate mercoledì. Magari decidete qui", le avrebbero inoltre riferito.
“Cosa posso fare – è l’amaro interrogativo - per non lasciare mio fratello in questa lista della spesa dove tra le altre cose ci sono ‘avvisare la famiglia del decesso; fare le sentite condoglianze’?  In tutto questo noi non siamo stati avvisati di nulla”.

Dalle parole della sorella emerge un altro elemento inquietante: “Lì quell'arma non doveva esserci”, perché il militare, volontario in ferma prefissata di un anno, “non aveva un porto d'armi” e “si teneva lontano da cose pericolose”, oltre ad avere una ragazza “con la quale erano in ballo infiniti progetti”. La famiglia, racconta sua sorella, lo ha lasciato tra “sorrisi, abbracci e tanta voglia di rivedersi dopo una licenza presa per poter festeggiare il suo ultimo compleanno. Ma la famiglia non sa cos'è successo realmente”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non ci fanno sapere nulla". Lo strazio dei familiari del marinaio foggiano trovato senza vita sulla nave 'Staffetta': "Vogliamo la verità"

FoggiaToday è in caricamento