Le parole che mai avremmo voluto pronunciare

Il Sindacato Medici Italiani esprime la più sincera vicinanza alla famiglia Maghernino, augurandosi che la morte del caro Antonio possa servire ad evitarne altre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Le parole che mai avremmo voluto pronunciare, la notizia che mai avremmo voluto dare è arrivata. La Capitanata piange oggi la prematura scomparsa del primo Medico morto a causa del Covid19, contratto durante lo svolgimento, senza protezioni, della sua attività di Medico di Continuità Assistenziale. Si, senza alcun dispositivo di protezione. È così che stanno lavorando i Medici di Continuità Assistenziale e i Medici di Medicina Generale, senza alcuna mascherina, senza occhiali e senza guanti.

La nostra terra piange oggi la scomparsa di un grande Uomo e Medico, di un professionista che non si è mai risparmiato nella sua Professione, di un Collega sempre disponibile verso tutti e mai avaro di gentilezza e garbo. Sono qui a chiedermi come si può solo pensare di mandare in guerra soldati senza armi?

I Medici non si tireranno mai indietro in una situazione di emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo restando, così, fedeli a quel giuramento che si onorano di rispettare sempre, ancor più ora, anche a rischio della propria vita. Di certo, però, è triste constatare che lo Stato li sta condannando a morte.

Il Sindacato Medici Italiani esprime la più sincera vicinanza alla famiglia Maghernino, augurandosi che la morte del caro Antonio possa servire ad evitarne altre.

Foggia 26/03/2020 Dott.ssa Nunzia Pia Placentino Vice Segretario Regionale – Regione Puglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento