Cronaca Cerignola

Muore dopo parto a Cerignola, familiari lamentano ritardo dei soccorsi

Per i familiari l'ambulanza del 118 avrebbe ritardato. Daniela Curiello è morta per un'emorragia interna. Avrebbe dovuto partorire il 4 gennaio con taglio cesareo, salvo il piccolo

La Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta e ha disposto l'autopsia su Daniela Curiello, la donna di 27 anni al nono mese di gravidanza, morta il 30 dicembre nell'ospedale 'Tatarella' di Cerignola dopo un intervento chirurgico deciso per fermare una devastante emorragia. La donna è riuscita comunque a partorire il figlio, che ora si trova ricoverato nel reparto di rianimazione agli Ospedali Riuniti di Foggia.

La decisione di disporre l'autopsia - si apprende da fonti vicine alle indagini - è stata presa dal pm Vincenzo Maria Bafundi nel corso della riunione tenuta ieri con i carabinieri e il medico legale, dopo una prima ispezione cadaverica.

L'esame dovrebbe essere compiuto sabato prossimo o, al massimo, lunedì 9 gennaio. Il magistrato ha fatto acquisire le cartella clinica e la documentazione sanitaria della donna che avrebbe dovuto partorire con taglio cesareo mercoledì 4 gennaio.

Il magistrato potrebbe notificare informazioni di garanzia per omicidio colposo ai medici che hanno seguito la donna. A far scattare l'indagine della magistratura sarebbe stata la denuncia dei familiari della vittima che lamentano un ritardo nell'arrivo dell'ambulanza del 118 presso l'abitazione di Cerignola della gestante che, proprio il 30 dicembre, ha accusato la forte emorragia.

Fonte: ANSA

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore dopo parto a Cerignola, familiari lamentano ritardo dei soccorsi

FoggiaToday è in caricamento