rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Cronaca

Foggia piange la prof.ssa Morizio: era la direttrice del centro epigrafico della Capitanata

Direttrice del Centro per la Documentazione del Patrimonio Epigrafico della Capitanata e delle Aree Limitrofe dell'Università di Foggia, è scomparsa lo scorso 22 giugno. Domani le esequie

Donna di grande sensibilità civile, archeologa, protagonista di una stagione irripetibile degli studi antichistici in Puglia. Così viene ricordata la professoressa Vincenza Morizio, direttrice del Centro per la Documentazione del Patrimonio Epigrafico della Capitanata e delle Aree Limitrofe dell'Università di Foggia, scomparsa lo scorso 22 giugno. Le esequie si svolgeranno lunedì 24 giugno alla sala del commiato del cimitero di Bari alle ore 11.00.


Dal Rettore emerito Giuliano Volpe: "Ho appreso la tristissima notizia della scomparsa di Vincenza Morizio, cara amica e collega. Archeologa, epigrafista e storica dell'età romana, ha insegnato nelle Università di Bari, di Roma Sapienza e di Foggia.

Donna di grandei intelligenza e di straordinarie passioni culturali, civili e politiche, generosa, ironica, allegra, sempre capace di comunicare una prorompente vitalità. L'ho conosciuta da studente all'Università di Bari, e fu per me e per un gruppo di altri studenti un riferimento importante. Aveva scavato a Cartagine con Andrea Carandini, aveva curato per De Donato la pubblicazione di 'Storie dalla terra', di 'Archeologia e cultura materiale, e fu lei a fare da tramite perché partecipassimo allo scavo di Settefinestre; fu lei a comunicarmi l'interesse per l'instrumentum domesticum. Poi l'ho avuta per anni come collega all'Università di Foggia insieme ad un'altra cara comune amica recentemente scomparsa, José Strazzulla. Studiosa dell'epigrafia dell'istrumentum e in generale dell'epigrafia romana, componente del gruppo di lavoro sulle epigrafi romane di Canosa con Mario Pani, Francesco Grelle, Marina Silvestrini e Marcella Chelotti, artefice con Tina Panella di un colossale lavoro per il corpus dei bolli delle anfore romane, ha offerto vari contributi in particolare sulla storia di Roma e della Puglia romana. Indimenticabile anche la sua passione per la fotografia di monumenti, materiali, epigrafi e di persone (aveva tra l'altro un enorme archivio di foto di studiosi). Ci mancherà molto Vincenza, con lei va via anche un pezzo della nostra vita, dei nostri studi, delle nostre passioni."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia piange la prof.ssa Morizio: era la direttrice del centro epigrafico della Capitanata

FoggiaToday è in caricamento