rotate-mobile
Cronaca

È morta Simonetta D'Alessandro, il magistrato di Foggia che dispose gli arresti del clan Spada

Stroncata da un malore a 58 anni. Ha ricoperto il ruolo di gip in importanti inchieste (da 'Mafia Capitale' alle indagini contro i clan  di Ostia) e, da pochi mesi, era presidente della X Sezione penale del Tribunale di Roma

E' stata trovata morta, nel suo appartamento nella Capitale, Simonetta D'Alessandro, foggiana, giudice di sezione al Tribunale di Roma. La donna, 58 anni, ha ricoperto, nel recente passato, il ruolo di gip occupandosi di importanti inchieste (da 'Mafia Capitale' alle indagini contro i clan  di Ostia) e, da pochi mesi, era presidente della X Sezione penale del Tribunale di Roma.

Il ricordo dei foggiani e di Federica Angeli

Tra le indagini seguite dalla giudice foggiana, si ricorda la recente ordinanza, firmata di suo pugno a gennario, che disponeva la custodia cautelare in carcere per 32 esponenti del potente clan Spada di Ostia. A fare la scoperta dell'accaduto, nel pomeriggio, è stato il figlio: preoccupato dal prolungato silenzio della madre, ha lanciato l'allarme ai carabinieri. I militari, entrati in casa insieme ai vigili del fuoco, hanno trovato la donna priva di vita, stroncata verosimilmente da un malore improvviso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morta Simonetta D'Alessandro, il magistrato di Foggia che dispose gli arresti del clan Spada

FoggiaToday è in caricamento