Grave lutto a Casa Sollievo: morta Cicilano, dirigente infermieristico "instancabile" che amava la professione e i suoi studenti

Maria Soccorsa Cicilano si è spenta dopo una lunga malattia. Il ricordo degli studenti diventati infermieri a Casa Sollievo della Sofferenza

Cicilano
Casa Sollievo della Sofferenza in lutto per la morte, avvenuta ieri 3 novembre 2020, di Maria Soccorsa Cicilano, dirigente del Servizio di Assistenza Diretta (SAD) per operatori sanitari non medici. Si è spenta dopo una lunga malattia affrontata fino all’ultimo istante in silenzio e con grande dignità.
Maria Soccorsa Cicilano, che poche settimane fa aveva festeggiato i suoi 40 anni di servizio, è cresciuta nell’opera di San Pio e dal 2009 ricopriva l’incarico di dirigente Infermieristico.
Il suo amore per la professione sanitaria la spinse negli anni a prestare servizio anche nell’attività didattica, insegnando agli allievi infermieri in formazione presso il nostro istituto.
Donna instancabile, sempre attiva e legata alla famiglia, non solo a quella biologica, ma anche a quella che San Pio le aveva donato. 
Esempio per i suoi studenti, che seguiva costantemente nel percorso degli studi: «teneva molto a noi studenti – ricorda Giovanna, che adesso è infermiera nel nostro ospedale – seguiva ogni nostro passo. Era innamorata della sua professione e nelle sue lezioni insegnava e trasmetteva a tutti la bellezza e la dedizione di questo mestiere».
Qualche anno fa la malattia è entrata a far parte della sua vita, accolta e affrontata quotidianamente a testa alta. «Ha vissuto gli anni del dolore con consapevolezza – racconta Michela Crisetti, sua collega e amica – affrontando la malattia in gran silenzio e sempre con il sorriso. Anche nei momenti più duri e difficili che la vedevano costretta in un letto di ospedale, ha sempre reagito e affrontato la realtà con grande speranza, il motore di tutto. Solo poche settimane fa ha deciso di allontanarsi dal suo lavoro, svolto sempre con grande volontà e responsabilità».
Un anno fa, Maria Soccorsa Cicilano salutava i suoi studenti con queste parole che certamente resteranno impresse nel cuore di tutti: «Vi auguro di essere gli infermieri migliori del mondo, e di saper cogliere le opportunità di questo corso di laurea nella casa di San Pio».
I funerali saranno celebrati oggi pomeriggio alle ore 15:30 presso la Chiesa di San Leonardo Abate in San Giovanni Rotondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento