Sabato, 18 Settembre 2021

Il barista Giuseppe diventa Morena, ma per lei non c'è più lavoro: "Sono la stessa persona, ma trovo solo porte chiuse"

La storia di Morena, nata maschio con il nome di Giuseppe, che non riesce a trovare lavoro nella sua Cerignola perché trans. Dopo gli appelli lanciati, alla 33enne è giunta tanta solidarietà e alcune proposte lavorative che dovrà valutare

Morena Casanova, nata 33 anni fa in un corpo maschile, con il nome di Giuseppe. Una decina di anni fa si separa dalla sua compagna con la quale ebbe due figli e intraprese la sua strada verso la trasformazione in donna.

Dall'età di 17 anni, Giuseppe ha sempre lavorato, principalmente servendo nei bar. Ma dopo la metamorfosi in Morena, decise di andare vivere a Napoli dove continuò a lavorare come barista. Ma oggi Morena ha deciso di ritornare nella sua Cerignola, vicina ai suoi affetti. Ma proprio nella sua città ha trovato tante "porte chiuse" quando ha cercato lavoro nei bar del centro ofantino.

Sembra che per una trans, a Cerignola, non ci sia posto. Ma dopo che la sua storia è stata raccontata da una testata locale, tanta solidarietà le è stata palesata. E oggi Morena ha ricevuto anche alcune proposte lavorative che dovrà valutare. "Nel 2021 non dovrebbero più esistere queste discriminazioni" conclude Morena | IL VIDEO

Si parla di

Video popolari

Il barista Giuseppe diventa Morena, ma per lei non c'è più lavoro: "Sono la stessa persona, ma trovo solo porte chiuse"

FoggiaToday è in caricamento