Giovanissimi beccati con arnesi da scasso vicino al Comune, segni di effrazione sulle porte poi date alla fiamme

A Monte Sant'Angelo, dopo la sequenza di atti intimidatori e incendiari registrati nelle ultime settimane, sono stati denunciati un 19enne e un minorenne

Immagine di repertorio

Due giovanissimi (uno ancora minorenne) sorpresi e denunciati dai carabinieri mentre nascondevano arnesi da scasso in una aiuola adiacente agli ingressi laterali del comune di Monte Sant'Angelo, incendiati da ignoti alcuni giorni fa.

L'attività rientra nell'ambito dei servizi predisposti dai carabinieri del Comando Stazione della cittadina garganica, al comando del maresciallo Dargenio, dopo la sequenza di atti intimidatori e incendiari registrati a Monte Sant'Angelo. 

Intorno all'una della scorsa notte, quindi, nei pressi di piazza XXV Aprile, i militari hanno notato e fermato i due giovani, già ampiamente noti, proprio mentre occultavano i 'ferri del mestiere' in una siepe della piazzetta situata di fronte alle porte del Comune, danneggiate qualche giorno prima nel tentativo di entrare a palazzo di città.

Nel dettaglio, si trattava di un grosso cacciavite, poi risultato del tutto compatibile con le scalfitture provocate alcune notti fa, in un tentativo di effrazione non denunciato dall'Ente, alle stesse tre porte che erano state danneggiate col fuoco da, per ora, ignoti vandali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due - uno di 19 anni, l'altro ancora minore - appartenenti a famiglie non collegate alla criminalità organizzata, ma di cui alcuni componenti hanno recentemente avuto diverbi di natura privata con alcuni uffici comunali - sono quindi stati deferiti per possesso ingiustificato di grimaldelli alle Autorità Giudiziarie competenti, la Procura della Repubblica di Foggia e quella per i minori di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento