Paura in treno, passeggero disperato chiama il 118: "Voglio togliermi la vita"

A bordo del treno Frecciargento Roma-Lecce un passeggero chiama il servizio sanitario “118” riferendo di volersi suicidare: la Polizia di Stato interviene prontamente e lo soccorre, evitando una tragedia

Attimi di paura venerdì scorso a bordo del Frecciargento 8315 Roma-Lecce quando un 40enne, mentre in treno percorreva i binari della Capitanata, ha chiamato il 118 sostenendo di volersi suicidare.

Immediato è scattato l'allarme del commissariato di polizia di Barletta alla polizia ferroviaria. Appena giunto presso la stazione di Bari Centrale, gli agenti lo hanno individuato e condotto nei propri uffici, cercando di tranquillizzarlo, in attesa dell’arrivo di un medico del “118”, già allertato.

L’uomo, poi, è stato trasportato in codice rosso e ricoverato presso il Pronto Soccorso del locale Policlinico.

Per gestire tali situazioni, allo scopo di meglio interagire e mettere a proprio agio le persone in difficoltà, il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise, ha ideato il progetto “S.O.S. disagio psichico”, selezionato come buona prassi nazionale dal Ministero dell’Interno, finalizzato a tranquillizzare la persona in difficoltà, riaffidarla ai familiari o educatori, cercando di evitare reiterazioni di fughe e situazioni di pericolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento