menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Michele D'Alba morto

Michele D'Alba morto

Minacce e ingiurie sui muri del Don Uva. Il commissario: “Avviata indagine interna”

Dopo le minacce di morte a Michele D’Alba e l’invito a Telesforo ad andare via, l’avv. Bartolomeo Cozzoli presenterà all’Autorità Giudiziaria e alle forze dell’ordine un’altra denuncia contro ignoti

L’avvocato Bartolomeo Cozzoli, commissario straordinario della Casa Divina Provvidenza commenta così le minacce e le ingiurie rivolte a Paolo Telesforo e Michele D’Alba, gli imprenditori foggiani interessati al salvataggio e all’acquisto dell’Ente in Amministrazione straordinaria (e al sindacalista Massimiliano Di Fonso).

Ignoti hanno infatti imbrattato i muri della struttura di via Lucera con frasi indirizzate ai vertici di Universo Salute: “Non è la prima volta che il variegato mondo dell’illegalità prova ad ingerirsi nelle vicende della Casa della Divina Provvidenza. La risposta sarà ancora una volta la stessa: barra dritta! Nelle prossime ore presenterò all’Autorità Giudiziaria e alle forze dell’ordine un’altra denuncia contro ignoti, mentre è stata già attivata un’indagine interna, volta ad individuare i responsabili del misero gesto”.

Non si è fatta attendere la condanna delle sigle sindacali  FP, Cgil, Cisl FP, UIL FPL: “E’ ancora più grave in quanto si è perpetrato nella settimana decisiva per la procedura di un eventuale accordo sindacale, finalizzato a scongiurare dal rischio fallimento i complessi aziendali della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza di  Foggia, Bisceglie e Potenza e salvaguardare i 1500 posti di lavoro e la continuità assistenziale. Le scritte sui muri con contenuti minacciosi ed offensivi a nostro avviso sono gesti vili che stigmatizziamo e condanniamo duramente. Auspichiamo che i protagonisti si ravvedano e valutino insieme a tutti i lavoratori la possibilità reale e concreta di continuità nella erogazione di importanti servizi per la comunità e la salvaguardia di posti di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di Giuseppe Sciarra, regista foggiano vittima di bullismo omofobico quando era bambino: "Per i miei coetanei me lo meritavo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento